Eccellenza, la Folgore Rubiera completa la rosa con un nuovo innesto: arriva Alessandro Porrini, classe ’99 di scuola Sassuolo

porrini in azione

Nella foto, Alessandro Porrini in azione con la maglia neroverde del Sassuolo

L’organico della Folgore Rubiera per il campionato di Eccellenza 2018/2019 si completa con Alessandro Porrini: è lui il tassello che restava ancora da ufficializzare prima di giungere alla definizione della rosa.

Nella prossima stagione agonistica, mister Alessandro Semeraro potrà quindi contare sul promettente centrocampista avanzato classe ’99: giocatore di scuola Sassuolo, lui ha effettuato tutta la trafila all’interno delle giovanili neroverdi arrivando fino alla formazione Primavera, accumulando anche alcune convocazioni nella selezione Nazionale Under 17.
Tutto ciò fino ad arrivare al gennaio scorso, quando Porrini si è affacciato per la prima volta sul prestigioso palcoscenico della serie D: il Sassuolo lo ha infatti girato in prestito al Castelvetro, squadra con cui ha disputato la seconda parte della scorsa annata. Ora, per questo talentoso 19enne è arrivato il momento di tuffarsi nella nuova e imminente esperienza rubierese.

Continua a leggere

Annunci

Eccellenza, la festa di ieri sera a Sant’Agata ha dato ufficialmente inizio alla nuova stagione della Folgore Rubiera. Il presidente Ricchetti: “L’organico è già affiatato, e può contare su buone potenzialità calcistiche”. Il ds Melli: “Siamo fiduciosi, ma ora il tempo delle parole è finito”. Mister Semeraro: “Ci sono gli ingredienti giusti per aprire un nuovo ciclo, caratterizzato da progressivi miglioramenti pure negli anni a venire”. Mercato: Blotta resta e Marko Malivojevic ritorna, Durantini promosso dalla juniores. Arrivano anche i giovani Sabri, Ceci, Vena e Dosso

Tavolata squadra 2

I giocatori della Folgore Rubiera a tavola, durante la festa di ieri sera alla Locanda Sant’Agata

La preparazione deve ancora iniziare, ma la nuova stagione della Folgore ha già preso il via ufficialmente: ieri sera, nella cornice ormai familiare della Locanda Sant’Agata, tutto l’ambiente del club rubierese si è ritrovato per una vera e propria festa di inizio annata. Presenti dirigenti, staff tecnico e gran parte dei giocatori della Prima squadra, che anche nel 2018/2019 sarà al via del campionato di Eccellenza: pochi gli assenti, tutti più che giustificati causa vacanze. C’era pure Marco Ognibene, nuovo trainer della formazione Juniores: inoltre non sono mancati i collaboratori e volontari, il cui operato è sempre molto prezioso nel portare avanti il ricco ventaglio di attività che contraddistingue la Folgore Rubiera.

ricchetti-angelo-presidente

Angelo Ricchetti: anche il nostro presidente ha partecipato alla cena

Tra una specialità gastronomica e l’altra, c’è stato spazio per due applauditi e significativi discorsi. “Dopo la conclusione dello scorso campionato, qualcuno aveva pronosticato un notevole ridimensionamento da parte nostra – ha detto Angelo Ricchetti, presidente della Folgore Rubiera – Si è trattato di illazioni del tutto fuori luogo, che non a caso sono state puntualmente smentite dai fatti. La squadra, in buona parte rinnovata, presenta un lusinghiero patrimonio in termini di potenzialità calcistiche: l’esperta guida di mister Semeraro saprà senz’altro come farle emergere al meglio sul campo. Inoltre – ha aggiunto il massimo dirigente – l’organico è già molto carico e affiatato: ce ne siamo accorti anche durante questa serata. E’ ovviamente ancora presto per fare il punto preciso sui traguardi stagionali: sarà possibile soltanto quando conosceremo l’esatta composizione del girone. In ogni caso, ribadisco quanto ho già affermato ultimamente – ha rimarcato Ricchetti – Il nostro obiettivo è quello di essere la sorpresa della prossima Eccellenza”.

Continua a leggere

Juniores, le impressioni del nuovo trainer Marco Ognibene: “Vedrete una Folgore ​in buona parte rinnovata, composta in maggioranza da giocatori nati nel 2001. Anche se l’organico si presenterà numeroso, sotto la mia guida ciascun ragazzo avrà la possibilità di mettersi in luce mettendo in campo impegno e costanza: l’intenzione è quella di proporre un calcio contraddistinto da un forte dinamismo, pur senza tralasciare la tecnica”. Raduno previsto per il 20 agosto, e partite casalinghe a Rubiera

marco-ognibene

Marco Ognibene, allenatore della Folgore Rubiera Juniores

Come annunciato da oltre un mese, sarà Marco Ognibene ad allenare la Folgore Rubiera Juniores nella prossima stagione agonistica: ancora una volta, i nostri beniamini si presenteranno al via del Campionato regionale Figc.

Ognibene, corregges​e ma nato a Carpi nel 1966, è allenatore che ha al proprio attivo una lunga e significativa esperienza in ambito giovanile: Sammartinese, Dorando Pietri Carpi e la stessa Correggese sono tra le realtà in cui ha lavorato, ma non solo. Il nuovo trainer della Folgore Juniores si è pure distinto sulla ribalta nazionale, dirigendo i Giovanissimi nazionali dell’Hellas Verona e gli Allievi professionisti targati Carpi. Nella scorsa annata, Ognibene ha invece guidato i Giovanissimi del Castelvetro: “Adesso – spiega – non vedo l’ora di dare inizio a questo nuovo percorso rubierese”.
Quali sono gli argomenti che ti hanno convinto ad assumere le redini della nostra Juniores?
“Innanzitutto, credo che la serietà del club sia visibile e fuori discussione: da tempo seguo la Folgore Rubiera dall’esterno, e ne ho sempre apprezzato sia la solida organizzazione sia il modo di lavorare. Inoltre, il ds Melli e il suo staff si sono mossi con grande efficacia in fase di costruzione della squadra: ora non è certo il momento dei proclami, ma avremo senz’altro una Juniores in grado di fare bene”.

Continua a leggere

Eccellenza, Omar Dallari sarà ancora tra le colonne portanti della Folgore: “Smettere con il calcio giocato? Non se ne parla, ho la ferma intenzione di continuare almeno fino a 40 anni. La società sta lavorando bene per aprire un nuovo ciclo, che ha tutte le carte in regola per arrivare a essere molto gratificante: tuttavia non dobbiamo partire con troppi proclami, perchè i primi risultati di spessore richiederanno un po’ di tempo”. Su mister Semeraro: “Per lui la concretezza viene prima del calcio-champagne. Una filosofia di gioco da apprezzare”

La foto presente su Facebook - Da sinistra Omar Dallari della Folgore e Fabio Galli della Fidentina

A sinistra, Omar Dallari in azione aerea

Come annunciato nei giorni scorsi, Omar Dallari sarà tra le colonne portanti della Folgore Rubiera anche nel prossimo campionato di Eccellenza: “Non potevo affatto tirarmi indietro – spiega l’esperto difensore, che lunedì prossimo festeggerà il 38° compleanno – Come è noto, l’obiettivo specifico che mi pongo è quello di continuare con il calcio giocato almeno fino a 40 anni. Dal punto di vista fisico mi sento ancora in buona forma, e a confortarmi c’è anche l’esperienza della passata stagione: nel 2017/2018 ho giocato molto di più rispetto a quanto avessi previsto, arrivando a disputare una trentina abbondante di incontri tra campionato e Coppa. Un lungo percorso, che mi ha comunque fornito risposte positive sotto l’aspetto dello stato di forma: verso la fine dell’annata ho accusato qualche problema agli adduttori, ma ora è davvero tutto risolto. Peraltro adesso mi sto tenendo ulteriormente in forma disputando il Torneo della Montagna, nelle file della Gatta”.

E dunque, Dallari, innanzitutto bentrovato: poi, quali sono le ragioni che ti hanno portato a scegliere ancora una volta la Folgore Rubiera? E’ facile immaginare che le offerte non ti siano mancate…
“E’ vero, e ne sono ovviamente felice e onorato: ad ogni modo la Folgore è sempre stata l’opzione in cima alle mie preferenze, e non poteva affatto essere altrimenti. Mi appresto a iniziare la mia quinta stagione nelle file rubieresi: qui mi sono sempre trovato benissimo, sia sotto l’aspetto strettamente calcistico sia dal punto di vista umano. Sono quindi pronto per continuare a mettere la mia esperienza a disposizione della nostra fantastica realtà calcistica, anche al fine di mantenere sempre elevato lo spirito di squadra”.

Continua a leggere

Riccardo Lanzotti, nuovo guardiano della Folgore: “Va delineandosi un organico caratterizzato da prospettive molto interessanti. Negli ultimi 5 anni il livello dell’Eccellenza si è alzato in modo esponenziale, e il prossimo campionato assomiglierà sempre di più alla serie D: tuttavia la società sta costruendo una squadra capace di non sfigurare, e di recitare un preciso ruolo nella parte sinistra della classifica. A livello personale, fisicamente sono in forma: bene la riconferma del mio collega Burani, giovani come lui meritano di essere gratificati”

Lanzotti portiere“Quando la Folgore mi ha contattato proponendomi di entrare nel suo nuovo organico, non ci ho pensato due volte ad accettare: Rubiera rappresenta un’occasione formidabile per vivere un’annata molto gratificante, sia a livello personale sia sotto l’aspetto dei risultati di squadra”.
Riccardo Lanzotti (nella foto) non fa certo segreto del suo grande entusiasmo per la sua nuova esperienza sportiva: il blasonato portiere classe ’96 è tra i volti nuovi della formazione di mister Semeraro, e approda all’ombra del Forte dopo avere vissuto in prima persona una vasta gamma di esperienze calcistiche. Tra l’altro il nuovo guardiano rubierese si è fatto notare anche a livello di serie D, avendo vestito in anni recenti le casacche di Padova e Imolese.
E ora, Lanzotti, quali sono le motivazioni che ti hanno spinto a scegliere la Folgore?
“Innanzitutto, va sottolineato l’assoluto prestigio che contraddistingue la piazza rubierese: un blasone che non deriva soltanto dai risultati ottenuti sul campo, ma anche dall’assoluta serietà e professionalità che caratterizzano il club. Essere qui rappresenta un vero onore, e per me si tratta di un ulteriore incentivo a fare il meglio possibile: colgo l’occasione per ringraziare tutta la società, che ha riposto in me grande fiducia fin dai primi colloqui. C’è poi un altro aspetto di rilevante importanza, e riguarda la composizione della squadra: sta nascendo un organico calcisticamente molto interessante, che ci autorizza a guardare con massima fiducia all’immediato futuro”.

Continua a leggere

Eccellenza, novità da oltre Secchia: anche il difensore Daniele Vacondio è un nuovo giocatore della Folgore Rubiera​

vacondio d​Continua la campagna acquisti della Folgore Rubiera in vista del prossimo campionato di Eccellenza. L’ultima novità in ordine di tempo proviene dal modenese, e più precisamente dalla Rosselli Mutina: durante la stagione agonistica 2018/2019, Daniele Vacondio (nella foto) sarà tra i giocatori a disposizione di mister Alessandro Semeraro. Difensore nato il 1° aprile 1994, Vacondio ha iniziato a distinguersi nelle giovanili del Sassuolo: il nuovo arrivato in casa Folgore ha svolto una trafila decennale con la casacca neroverde, arrivando fino a giocare nella formazione Primavera tra il 2012 e il 2014.
Nel corso delle tre stagioni successive, Daniele si è quindi messo in luce a livello di Eccellenza con la Casalgrandese. La sua permanenza a Villalunga è stata pure contraddistinta da una notevole vivacità in chiave offensiva, dote piuttosto inconsueta per un difensore come lui: basti pensare che nel 2016/2017 ha siglato ben 9 reti, due delle quali proprio contro la Folgore Rubiera.
Tutto ciò fino ad arrivare all’annata appena conclusa: Vacondio è stato tra i protagonisti del percorso di grande spessore costruito dalla Rosselli Mutina, giunta a un passo dal conquistare sul campo la promozione in serie D.

Continua a leggere

Eccellenza, tre “giovani” riconferme per l’organico della Folgore: Burani, Paglia e Bassoli resteranno a Rubiera anche nella prossima stagione

jacopo-burani

Jacopo Burani

Tre ulteriori riconferme in casa Folgore Rubiera: l’organico che affronterà il prossimo campionato di Eccellenza, sotto la guida di mister Semeraro, sta prendendo sempre più forma.

Nella prossima stagione agonistica, il portiere classe 2000 Jacopo Burani indosserà ancora la nostra casacca: durante l’annata 2017/2018, il guardiano di scuola Reggio Calcio ha saputo destare ottime impressioni sia in Prima squadra sia nel recente Torneo Cavazzoli.
mattia paglia

Mattia Paglia

Per quanto riguarda la retroguardia, il classe ’99 Mattia Paglia resta alla Folgore: anche lui è cresciuto nel florido vivaio della Reggio Calcio, per poi trasferirsi nelle file del Parma Berretti. Un anno fa questo promettente talento difensivo è approdato qui a Rubiera, e nel corso dei mesi ha saputo guadagnarsi la riconferma a pieni voti.

luca-bassoli

Luca Bassoli

A centrocampo, spicca poi il rinnovo dell’accordo con il ’99 Luca Bassoli: si tratta di un volto ormai noto al pubblico del “Valeriani”, visto che lui si appresta a vivere la sua terza stagione consecutiva nelle file rubieresi. Nel 2016/2017, Luca era arrivato con l’intento di dare man forte alla compagine Juniores: tuttavia, le sue doti sia tecniche sia caratteriali ne hanno favorito la promozione in Prima squadra già a dicembre 2016.

In precedenza, tutti e tre i giocatori erano alla Folgore Rubiera con la formula del prestito: ora però il nostro club ha acquisito i rispettivi cartellini a “titolo definitivo”.

Eccellenza, il portiere Riccardo Lanzotti approda a Rubiera. Dallari, Tognetti e Piacentini vestiranno di nuovo la maglia della Folgore: restano anche Addona, Agrillo e Hoxha

Lanzotti

Riccardo Lanzotti, nuovo portiere della Folgore Rubiera

Novità nel reparto portieri della Folgore Rubiera: è stato perfezionato l’accordo con Riccardo Lanzotti, che entra così a fare parte dell’organico di mister Semeraro per il prossimo campionato di Eccellenza. Classe ’96, il nuovo guardiano rubierese è cresciuto nel settore giovanile del Modena: in seguito lui si è fatto notare addirittura a livello di serie D, dapprima nelle file del Padova e successivamente con la casacca dell’Imolese. Durante la scorsa annata, Lanzotti ha invece disputato l’Eccellenza.

Continua a leggere