Torneo Cavazzoli, la Folgore Juniores cala la cinquina contro il San Faustino e vola agli ottavi con il 1° posto nel girone. Martedì prossimo al Valeriani la sfida secca contro il Castellarano. Mister Siligardi: “Quella di ieri è una prova confortante anche sotto il profilo caratteriale, ma adesso inizia tutto un altro cammino”

kouadio

Jean-Marc Kouadio, ieri sera in gol

FOLGORE RUBIERA – SAN FAUSTINO

5-0

RETI: Piacentini, Koridze, Kouadio e doppietta di Corradini

FOLGORE RUBIERA: Burani, Blotta, Piacentini, Parenti (Romoli), Paterlini (Serpetti), Paglia, Durantini (Amrani), Bassoli, Corradini, Koridze (Bruce), Kouadio (Mattioli). Allenatore: Simone Siligardi.

SAN FAUSTINO: Spezia, Vasarri, Lusuardi (Sereni), Monelli (Mangino), Mussini (Barigazzi), Valerioti, Martini, D’Alessandro (Larcinese), Romoli (Grasselli), Affinito, Nicolini. Allenatore: Menozzi.

ARBITRO: Nasi.

NOTE: ammonito Paterlini (F).

Continua a leggere

Annunci

Juniores, l’esperto allenatore Marco Ognibene guiderà la Folgore nella prossima stagione

logo folgoreLa Folgore Rubiera della prossima stagione si arricchisce di un ulteriore tassello, decisamente rilevante: nel campionato regionale Figc 2018/2019, l’organico Juniores sarà allenato da mister Marco Ognibene. Il tecnico correggese, nato però a Carpi nel 1966, può vantare un curriculum di pregio che va ben oltre i confini reggiani. Solo per citare alcune delle sue esperienze, in passato il nuovo trainer della Folgore ha diretto i Giovanissimi regionali del Castelvetro: lui ha inoltre guidato gli Allievi nazionali di due prestigiose società professionistiche, ossia Hellas Verona e Carpi.
Nel dare il più cordiale benvenuto a Marco Ognibene, la società coglie altresì l’occasione per ringraziare il suo predecessore: a Paolo Mozzini, timoniere della nostra Juniores durante il campionato 2017/2018, va anche il migliore “in bocca al lupo” per tutte le sue future attività.

Torneo Cavazzoli Juniores, conto alla rovescia per il derby comunale tra Folgore e San Faustino: in campo stasera al Valeriani, dalle ore 21. Alex Corradini: “Anche se abbiamo già la qualificazione in cassaforte, non siamo certo nella condizione di concedere sconti. La vittoria ci serve per ribadire le nostre doti come squadra, e in più dobbiamo mantenere il 1° posto per avere il vantaggio del fattore-campo negli ottavi di finale. Il nostro gruppo ha saputo trovare un ottimo amalgama, che autorizza a crescenti speranze”

CORRADINI

Alex Corradini, attaccante della Folgore Rubiera Juniores

Conto alla rovescia per il gran derby comunale di stasera. A partire dalle ore 21 la Folgore Rubiera Juniores ospiterà al “Valeriani” i pari età del San Faustino,  in un duello valido per il 37° Torneo “Aldo Cavazzoli”: nella fattispecie, la partita rientra nel 3° e ultimo turno del girone preliminare F. I nostri beniamini hanno il vantaggio di poter affrontare questa sfida senza eccessivi affanni: per la compagine di Siligardi gli ottavi di finale sono già una certezza, grazie alle due precedenti vittorie interne contro Virtus Libertas e Santos. Discorso opposto invece per il San Faustino, che si presenterà a Rubiera con il chiaro intento di ottenere una qualificazione non ancora sicura.

“Stasera l’unico assente nelle nostre file dovrebbe essere Tavaglione – spiega Alex Corradini, attaccante della Folgore – Di recente, Saverio ha avuto qualche problema al polpaccio: così oggi sarà probabilmente tenuto a riposo precauzionale, per risparmiarlo in vista degli ottavi. Tutto il resto della squadra sarà regolarmente a disposizione, e peraltro la definizione di “squadra” ci sta davvero in pieno: i tanti giocatori in arrivo dal team di Eccellenza sono già entrati con grande efficacia nell’universo nella Folgore versione Cavazzoli. Si è creato un amalgama di ottimo livello: possiamo contare su una compattezza e su un’unità d’intenti che autorizzano davvero a crescenti speranze”.

Continua a leggere

Eccellenza, Milos Malivojevic si presenta al pubblico rubierese: “Se la Folgore non si ponesse obiettivi motivanti e di rilievo, non sarei mai venuto qui. Questa realtà calcistica è l’ideale per un giocatore come me, che tende sempre a ricercare continui miglioramenti. Qui c’è tutto per provare a restare tra le protagoniste: persone di valore , idee, competenze “. Sul suo ruolo: “Mi sento un centrocampista con una buona propensione verso l’attacco: la stagione scorsa ho messo a segno 8 gol, e qui spero di arrivare in doppia cifra”​

malivojevic in azione

A destra, Malivojevic in azione nelle file del Gatta: è la squadra con cui Milos ha vinto il Torneo della Montagna 2017

“Chi mi conosce, sa bene qual è l’indole caratteriale che mi contraddistingue: se la Folgore non si ponesse obiettivi motivanti e di rilievo, io non sarei mai venuto qui”. E’ con queste parole che Milos Malivojevic si presenta al pubblico rubierese: come è noto, lunedì scorso l’ex Rolo è ufficialmente approdato alla corte di mister Alessandro Semeraro. Nato a Scandiano il 29 maggio 1993 da padre bosniaco e madre serba, in ambito giovanile Milos può vantare lusinghieri trascorsi nel Parma Under 19: a seguire lui è approdato sul palcoscenico professionistico, nelle file di Renate, Parma (Prima squadra), Vicenza e Savoia. Nel 2015 il ritorno alle nostre latitudini, nel campionato di Eccellenza: prima alla Casalgrandese, poi in quel Rolo con cui Malivojevic ha disputato la stagione appena conclusa.

“Ci tengo innanzitutto a ringraziare parecchio tutto l’ambiente rolese – evidenzia Milos – Ora i nostri cammini si dividono, come spesso capita nello sport: ad ogni modo l’esperienza che ho vissuto in maglia biancoblù è stata fantastica, sia calcisticamente sia dal punto di vista umano”.
E adesso, Milos, quali sono le motivazioni che ti hanno portato a scegliere la Folgore?
“Si tratta di una società caratterizzata da blasone e prestigio: fin dai primi contatti, mi sono sentito sinceramente onorato per l’interessamento che la d​irigenza ha avuto nei miei confronti. Inoltre, mio fratello Marko ha giocato qui fino a un paio d’anni fa: lui mi ha parlato benissimo sia della serietà che caratterizza la s​ocietà, sia di mister Semeraro che allenava la Folgore anche all’epoca”.

Continua a leggere

Eccellenza, nuovo acquisto per il centrocampo della Folgore Rubiera: arriva Milos Malivojevic

Milos Malivojevic

Milos Malivojevic in azione

Nuovo acquisto di lusso per la Folgore Rubiera: nel prossimo campionato di Eccellenza, mister Alessandro Semeraro potrà fare affidamento su Milos Malivojevic. Il giocatore di origine serba, centrocampista di stampo offensivo, è nato a Scandiano il 29 maggio 1993: il suo curriculum è di tutto rispetto, e peraltro comprende anche rilevanti tappe in ambito professionistico. ​Dopo le prime esperienze nell’Under 19 del Parma, Milos ha vestito le casacche di Renate, Parma (Prima squadra), Vicenza e Savoia: nel 2015 è quindi approdato alla Casalgrandese, mentre nella stagione appena conclusa ha dato man forte al Rolo che ha terminato l’Eccellenza con il 3° posto in classifica. Ora per lui è il momento di questa nuova esperienza alla Folgore Rubiera, che sta man mano costruendo l’organico in vista della stagione 2018/2019.

Torneo Cavazzoli, la Folgore Juniores piazza una goleada e accede agli ottavi con un turno di anticipo. Mister Siligardi: “Ottimo il risultato, ma ieri sera ho visto un atteggiamento un po’ troppo rilassato. In vista dei prossimi impegni, dobbiamo assolutamente recuperare quella determinazione che ci caratterizza”

koridze

Nika Koridze, gran tripletta per lui

FOLGORE RUBIERA – SANTOS 7 – 0

RETI: Koridze (tripletta), Neri (doppietta), Durantini, Corradini.
FOLGORE RUBIERA: Burani, Mattioli (Paterlini), Piacentini (Bruce), Tavaglione, Blotta, Paglia, Durantini (Corradini), Bassoli (Sassi), Neri (Amrani), Koridze, Kouadio. Allenatore: Simone Siligardi.
SANTOS REGGIO EMILIA: Orlandini, Botti (Orma), Donati, Rinaldi, Cecchinelli, Zannoni (Olivieri), Manzini, Camilli, Gibertoni, Romani (Righi), Sula (Panciroli). Allenatore: Davoli.

ARBITRO: Gambuzzi.

NOTE: ammonito Cecchinelli (S).

Continua a leggere

Folgore Juniores, seconda giornata del Torneo Cavazzoli: questa sera al “Valeriani” la sfida contro il Santos, che potrebbe valere l’accesso agli ottavi con un turno di anticipo. Blotta: “In questi giorni abbiamo lavorato con grande costanza per limare ulteriormente i nostri errori”

blotta

Simone Blotta, difensore e capitano della Folgore Rubiera Juniores che sta disputando il Torneo Cavazzoli

Questa sera, a partire dalle ore 21, la Folgore Rubiera Juniores sarà di nuovo protagonista del 37° Torneo “Aldo Cavazzoli”: ancora una volta i nostri beniamini scenderanno in campo sul terreno amico del “Valeriani”, per affrontare i reggiani del Santos. Il confronto sarà valido per la seconda giornata del gruppo preliminare F: la sfida rappresenta una ghiotta opportunità per la compagine di mister Siligardi, che già oggi potrebbe festeggiare l’accesso agli ottavi di finale. Per centrare il passaggio del turno con una partita di anticipo è ovviamente necessaria una vittoria sul Santos, ma non solo: servirà anche un pareggio nel concomitante duello tra San Faustino e Virtus Libertas, in programma sempre per stasera ma a Reggio in via Campioli.

“Dopo l’affermazione della scorsa settimana sulla Virtus Libertas, le nostre possibilità di conquistare gli ottavi sono cresciute in misura ulteriore – spiega Simone Blotta, difensore della Folgore – Ad ogni modo, noi non amiamo perderci nei calcoli: il preciso obiettivo che ci poniamo è quello di essere concentrati per fare il meglio possibile, indipendentemente dai numeri di chi abbiamo di fronte e dai risultati che maturano sugli altri campi. Proveniamo da un successo gratificante, specie considerando il modo in cui è arrivato – prosegue Simone – Siamo stati capaci di imporre fin da sùbito l’idea di gioco che ci caratterizza, cogliendo un successo che può benissimo dirsi meritato. Pur affrontando una rivale motivata e coriacea, siamo stati capaci di gestire al meglio gli attacchi avversari senza mai correre troppi rischi: non a caso, la Virtus Libertas ha trovato il gol soltanto a tempo quasi scaduto”.

Continua a leggere

Le prime parole di Alessandro Semeraro ​da allenatore della Folgore Rubiera: ​”Felicissimo di essere tornato, qui si può fare calcio nel senso più autentico del termine. Chi ci vorrebbe rassegnati a un campionato di sofferenza prende un grosso granchio: ci stiamo muovendo per costruire una squadra frizzante e capace di divertire, in grado di posizionarsi stabilmente nella parte sinistra della classifica​”. Capitan Greco lascia dopo 4 anni

Alessandro Semeraro

Alessandro Semeraro, allenatore della Folgore Rubiera

La Folgore del dopo-Vacondio parte ​dunque ​da Alessandro Semeraro, che torna alla guida tecnica dei rubieresi dopo due anni. Negli anni scorsi, il 51enne trainer di origine veneziana ha diretto squadre dilettantistiche del calibro di Crevalcore, Dorando Pietri Carpi, Novese, Finale, San Felice e Dodici Morelli: poi il primo approdo a Rubiera, datato 2013.
Innanzitutto, Semeraro, bentornato a Rubiera: poi, come avrebbe detto Enzo Tortora, ​”​dove eravamo rimasti​”​?​
​​​”Cinque anni fa, la Folgore ha sancito la ripresa del mio percorso da allenatore​.​ Io vivo a Cavezzo, nella Bassa modenese, e i problemi legati al terremoto della primavera 2012 mi avevano costretto a una stagione di stop. Durante il primo anno ho guidato la Juniores rubierese, cogliendo parecchie soddisfazioni in termini di gioco e risultati: nell’estate 2014 ho quindi assunto le redini del team di Eccellenza, vivendo un biennio denso di traguardi positivi. Prima abbiamo conquistato la salvezza, poi nel campionato successivo siamo riusciti a centrare un sorprendente 4° posto​. Mi sarebbe piaciuto continuare il cammino con la Folgore: tuttavia nella primavera 2016 la società si è legittimamente orientata su altre scelte, e comunque Vacondio merita il plauso di tutta la Folgore per gli ottimi traguardi che ha raggiunto​”.

Continua a leggere