Precisazioni del ds Tagliavini in merito ai fatti accaduti nella partita tra Folgore Rubiera e Sanmichelese

DSC_4233Il direttore sportivo della Folgore Rubiera, Fabrizio Tagliavini (in foto), ci tiene a fare qualche precisazione in merito ai fatti accaduti durante e dopo la partita di domenica tra Folgore Rubiera e Sanmichelese, gara vinta dagli ospiti 3-2. Match in cui si è assistito a discriminazioni razziali verso i giocatori di colore della Folgore da parte dei giocatori e “tifosi” della Sanmichelese.


Durante la partita di ieri contro la Sanmichelese, un nostro calciatore, Denis Owusu, è stato offeso per tutta la gara (per provocarlo) da parte dei giocatori avversari, con epiteti razzisti detti non in modo plateale, ma studiato. 
Dalla tribuna è arrivata qualche parola fuori luogo, ma nei limiti. Tale atteggiamento è ancora più grave in quanto il ragazzo lo scorso campionato era proprio alla Sanmichelese, e sono stati anche ex compagni a tenere questo atteggiamento. Avevamo avvertito il giocatore dall’inizio di questo pericolo (conosciamo l’allenatore Pivetti, che si occupa soprattutto di insegnare le “furbizie” anziché il gioco e vari loro giocatori mestieranti…) ma purtroppo ci è cascato in pieno.Andate a vedere la partita dello scorso campionato con il Castelvetro (allenato da Pivetti) che vince al 92° con due giocatori nostri a terra, di cui uno con un taglio sullo zigomo, senza che l’arbitro intervenga e con tutti a gridare “buttala fuori”, mentre lui sprona i suoi a proseguire.Prima in uno scontro fortuito Owusu ha provocato la rottura del setto nasale ed un giocatore della Sanmichelese (un giovane che non c’era l’anno prima), poi al 93° reagendo all’ennesima offesa ha scalciato un avversario (dopo aver allontanato il pallone dalla nostra area) probabilmente ancora dentro l’area per cui l’arbitro ha assegnato il rigore (con il pallone nella metà campo opposta). Chiaramente il nostro giocatore ha sbagliato, e la provocazione non è una giustificazione. Ma durante tutta la gara l’arbitro (Omar Aamoum di Ravenna) non è stato capace di tutelare in un qualche modo il ragazzo , mi sono chiesto se è stato in quanto extracomunitario anche lui?
A dieci minuti dalla fine (sul risultato di 2-2) aveva espulso un nostro giocatore (anche lui di colore) commettendo anche in questo caso un grave errore: l’arbitro fischia una punizione a nostro favore circa dieci metri fuori dalla area della Sanmichelese, Sekyere sta prendendo il pallone quando Suprani calcia la palla (con la punta del piede) e questa colpisce il volto del nostro. Sekyere con la mano aperta cerca di allontanare l’avversario, e questo si butta a terra e fa scena. Risultato il nostro espulso e nessun provvedimento con il solito “furbetto”.
A fine partita, nell’area degli spogliatoi, c’erano due commissari della Federazione, e l’unica cosa che sono stati capaci di dire è stata, come al solito, “ci sono persone non in elenco nella zona spogliatoi”. Ovviamente gli ho detto (nel mio solito modo ovviamente offensivo) che “è ora che vengano insegnate agli arbitri e cose importanti e non solo le formalità”, come sembra venga fatto. Poi sono stati mezz’ora dentro con la terna.

Fabrizio Tagliavini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...