Eccellenza: Fidenza – Folgore Rubiera 2-1

DSC_4293Inaspettata sconfitta per la Folgore Rubiera sul campo del Fidenza per 2-1 nella 14esima giornata del campionato di Eccellenza. Una prova di maturità fallita per i ragazzi di mister Semeraro, squalificato, contro una squadra in evidente difficoltà: prima di oggi, i fidentini non avevano ancora assaporato il gusto della vittoria, e in settimana hanno pure cambiato allenatore. Succede tutto nella ripresa, con la doppietta di Martini, e cui risponde su rigore il solito Greco (in foto).
Il report del match.

Fidenza: Pini, Colombo (11′ st Tesoriati), Melegari (24′ st Cocchi), Ibrahimi, Soregaroli, Messineo, Bocchi, Bastoni, Martini (34′ st Silveiro), Bandaogo, Reverberi. A disp: Araldi, Pavan, Moschini, Martinelli. All: Macchetti.
Folgore Rubiera: Pè M., Maletti, Teggi, Cavazzoli, Aieta (19′ st Boudlal), Dallari, Franceschini (35′ st Borghi), Owusu, Greco, Pè S., Hoxha. A disp: Scalabrini, Dabre, Costi, Rossi, Sinagra. All: Semeraro (non in panchina perchè squalificato).
Arbitro: Mescoli di Modena.
Reti: 8′ st e 18′ st Martini (FI); 22′ st  Greco rig. (FR).

Note: Spettatori: 120 circa. Ammoniti: Colombo, Soregaroli, Pini e Bocchi del Fidenza; Hoxha della Folgore. Espulsio Dallari (FR) al 46′ st  per proteste.

Una Folgore sprecona non riesce a concretizzare le innumerevoli occasioni create nel primo tempo ed esce sconfitta contro un Fidenza che col nuovo allenatore Macchetti assapora la gioia della prima vittoria in campionato. Nel primo tempo si è giocato ad una porta sola, con Rubiera sempre in avanti, e il Fidenza timoroso a soffrire dietro. Dopo alcune azioni in area non finalizzate a dovere, al 9′ è Owusu che ci prova da fuori dopo un’azione personale, con la palla fuori di un soffio. Al 17′ Hoxha parte dalla propria trequarti, entra in area e lascia partire un tiro potente ma sull’esterno della rete. Sempre Hoxha al tiro al 21′, e questa volta è Pini bravo a deviare la sfera in angolo, sopra la traversa. Al 30′ e 32′ la palla arriva pericolosamente in area dei padroni di casa, ma nessuno di Rubiera riesce a deviare in rete la palla. Al 34′ è sempre Hoxha a rendersi pericoloso sulla destra, ma il contatto in area che lo vede cadere a terra per l’arbitro non è da sanzionare. Al 38′ è Pè S. che ci prova da buona posizione, e ancora Pini riesce a neutralizzare il pallone. Al 40′ bella intuizione di Simone Pè per Franceschini, anticipato in uscita dall’estremo di Fidenza. Ultima occasione del primo tempo ancora con Pè, e Pini ancora una volta bravo a deviare in angolo. Non c’è tempo per calciare il corner, e le squadre rientrano negli spogliatoi, con  il Fidenza che non ha effettuato un solo tiro verso la porta di Rubiera.
Nella ripresa invece il copione cambia improvvisamente: all’ 8′ scende sulla sinistra Melegari, il suo cross al centro, leggermente deviato, supera un difensore e arriva sui piedi di Martini che da pochi metri insacca per il vantaggio dei padroni di casa. La Folgore prova a reagire: al 13′ Cavazzoli entra in area, ma il tiro è alto sulla traversa. Al 18′ buco al centro nella difesa di Rubiera: Martini, sul filo del fuorigioco, si invola verso la porta di Pè M., che prova ad uscire ma viene scavalcato dal pallonetto dell’attaccante, che accompagna la sfera in rete per  il due a zero. Al 21′ ci prova Pè S., para senza affanni Pini. Subito dopo azione di Hoxha che entra in area e cade a terra: per l’arbitro è rigore, che viene trasformato da Greco. Al 24′ azione di Franceschini che dalla sinistra entra in area e appoggia per Greco, la cui conclusione da ottima posizione sfiora il palo. Al 33′ ci prova di testa in tuffo lo stesso Greco, para a terra Pini. La Folgore è troppo frenetica, e perde piano piano lucidità. Al 46′ Dallari dice qualcosa di troppo all’arbitro, e viene espulso col rosso diretto. Al 47′ e 48′ prima Bandaogo e poi Ibrahimi (tra i più positivi) sfiorano il terzo gol. La Folgore, rimaneggiata, e forse con la testa a mercoledì per la semifinale di Coppa, dovrà ripensare ai propri errori, frutto anche della propria presunzione e della propria incapacità  a fare le scelte giuste in fase offensiva.
Mister Semeraro, squalificato (in panchina tre volte senza di lui, tre sconfitte), è amareggiato ma lucido: “Nel primo tempo solo una squadra in campo, la nostra. Poi due disattenzioni ci hanno punito oltre i nostri demeriti. Probabilmente c’è stato un calo di concentrazione. Purtroppo avere fuori sei  giocatori non ci aiuta. Questa sconfitta ci farà tornare coi piedi per terra, e capire qual è la nostra vera dimensione. Dobbiamo avere la stessa voglia dei nostri avversari, ma spesso dietro ci addormentiamo. Per mercoledì in Coppa recuperiamo solo Sekyere, e sarà molto dura”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...