Prima squadra, il blitz di Fidenza consegna il 2° posto. Vacondio: “Abbiamo affrontato con grinta ed efficacia una sfida che temevo molto”

TEGGI MattiaFIDENTINA – FOLGORE RUBIERA 0 – 1
RETE: 25’pt aut. Magro.

FIDENTINA: Ghiretti, Spagnoli, Piccinini, Scappi, Melegari, Magro, Romanini (25’st Tonofrei), Ruffini, Ierardi (1’st Perazzo), Ferretti, Pasaro. A disp.: Barusi, Masseroni, Gennari, Talignani, Maisanche. All.: Massimo Mazza.

FOLGORE RUBIERA: Pè, Teggi, Blotta, Cavazzoli, Addona, Castrianni, Lusoli (41’st Sekyere), Dallari, Greco, Ferrari (dal 40’st Agrillo), Hoxha. A disp.: Burani, Maletti, Bassoli, Amdouni. All.: Ivano Vacondio.

ARBITRO: Gresia di Piacenza (assistenti Mastrosimone di Rimini e sig.ra Tumedei di Forlì)
NOTE: spettatori 200 circa. Ammoniti Melegari e Romanini (Fidentina), Cavazzoli e Castrianni (Folgore).
Nella foto: Mattia Teggi, difensore della Folgore Rubiera.

E’ una Folgore sempre più protagonista in questo campionato di Eccellenza: oggi a Fidenza è arrivata la seconda vittoria consecutiva, che permette ai nostri beniamini di issarsi al 2° posto raggiungendo il Nibbiano Valtidone. Osservando quanto è successo al “Ballotta”, l’affermazione rubierese può dirsi pienamente meritata: Greco e soci hanno saputo imporsi con carisma e personalità, contro una Fidentina che comunque non si è affatto rivelata accomodante.
Salvatore GrecoPer quanto riguarda nel dettaglio i cenni di cronaca, al 10′ sono i borghigiani a sfiorare il punto del vantaggio: nella fattispecie, la conclusione da ottima posizione di Ruffini fa la barba alla traversa della porta difesa da Pè. Al 25′ avviene poi l’episodio che decide l’incontro: tutto parte con Leonardo Lusoli, che calcia dal fondo costringendo Ghiretti a un non semplice intervento in tuffo. Sulla respinta dell’estremo di casa, la palla va a sbattere contro la gamba di Magro: così, il nuovo arrivato in casa Fidentina va a realizzare una clamorosa autorete che sancisce il definitivo vantaggio della Folgore. Sul finire del primo tempo, Ierardi è costretto ad abbandonare il campo in barella: uno strappo muscolare gli impedisce di proseguire a giocare, e ciò rappresenta senza dubbio un ulteriore intralcio per i piani di una Fidentina già rimaneggiata in partenza. Nella ripresa, i rubieresi attaccano in modo sempre più tambureggiante: Greco (nella foto qui sopra), Hoxha e Luca Ferrari cercano varie volte la via del gol, mancando sempre per un nonnulla l’appuntamento con la rete. Per contro la Fidentina mostra una forte dose di buona volontà, ma non riesce a scandagliare le puntuali manovre avversarie.
Ivano Vacondio“Temevo molto questo confronto – spiega il tecnico rubierese Ivano Vacondio (nella foto qui a sinistra) – Provenivamo da un momento non così esaltante, specialmente sotto l’aspetto del gioco: invece, oggi ho rivisto quella Folgore vivace e intrepida che tante volte si era fatta rispettare a inizio campionato. Il risultato finale non fa proprio una piega: in fin dei conti loro non hanno mai tirato in porta, mentre invece noi siamo stati capaci di creare almeno sei-sette occasioni da gol limpide. L’unico problema – prosegue il mister – è rappresentato dalla nostra scarsa concretezza in chiave offensiva: pure oggi non siamo riusciti a fare gol, passando solo grazie a un’autorete: si tratta di un aspetto su cui dovremo continuare a riflettere, specie in vista del confronto casalingo di domenica prossima con il Fiorano. Tutti bravi i nostri giocatori, ma mi sia concessa una nota di merito speciale a Omar Dallari: anche se dovrebbe centellinare le energie, lui non si risparmia mai e contro la Fidentina ha dimostrato di essere un autentico uomo squadra”. Ora la classifica parla di una Folgore Rubiera a 29 punti, e Vacondio aggiunge: “Sul campo ne abbiamo fatti 30, e vorrei che questo aspetto venisse maggiormente sottolineato. Il piazzamento che adesso occupiamo ci autorizza a guardare al futuro con sempre maggiore fiducia. Ora speriamo solo che Luca Ferrari non sia di nuovo infortunato: lui mi ha chiesto il cambio sul finire della partita, ma confidiamo sul fatto che sia un problema di poco conto”.
“In effetti il successo della Folgore può dirsi giusto – evidenzia il presidente della Fidentina Nino Rastelli – Del resto sapevamo già in partenza che la sfida sarebbe stata molto complessa per noi: la compagine di Rubiera è tra le più forti del campionato, e al “Ballotta” ne ha puntualmente dato prova. C’è da dire che noi avremmo potuto cercare di incanalare la partita sullo 0-0, ma purtroppo anche stavolta la buona sorte ci ha voltato le spalle: basti pensare all’episodio dell’autorete. In più, potevamo e dovevamo essere ben più determinati sotto l’aspetto del carattere. Ora questo ko ci mette in ulteriore difficoltà, inutile negarlo, perchè ora siamo sprofondati a ridosso della zona play out: ad ogni modo continuiamo a nutrire grande fiducia nei confronti del nostro gruppo, e siamo certi di avere le carte in regola per valere molto di più rispetto a quel che dice l’attuale classifica”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...