La Prima squadra viaggia spavalda verso il big match con la capolista. Taglia: “Perforare la difesa della Folgore è difficilissimo, e anche il Carpaneto se ne accorgerà”

taglia per sitoE’ dunque arrivata la settimana che ci porterà alla pausa natalizia: tuttavia, prima del panettone la Folgore Rubiera ha in agenda un appuntamento davvero di primissimo piano. Sale sempre di più l’attesa per il big match di domenica prossima, quando i nostri beniamini faranno visita alla capolista Vigor Carpaneto: considerando le ben note vicende che hanno contraddistinto il confronto di andata, la sfida in terra piacentina rappresenta l’occasione per prendersi una bella rivincita.
Nella foto: il nostro centrocampista Alessandro Taglia.

IL PRECEDENTE STAGIONALE. Giusto per rinfrescare la memoria, ripercorriamo in sintesi quanto accaduto. Folgore e Carpaneto si sono affrontate il 4 settembre al “Valeriani”: era la prima di campionato, e il risultato finale sul campo fu di 1-1 con Hoxha che realizzò il pari a pochi minuti dal termine. La Vigor ha fatto sùbito ricorso, contestando la posizione irregolare di Simone Blotta: sia il Giudice Sportivo sia la Corte d’Appello hanno stabilito che il giocatore non potesse scendere in campo, dovendo scontare una squalifica ricevuta nel maggio 2016 al Memorial Barella di Noceto. Di conseguenza, ecco assegnata al Carpaneto la vittoria a tavolino. Il mese scorso, la Folgore ha presentato un controricorso alla Corte di giustizia sportiva del Coni nazionale: la sentenza è attesa per inizio 2017, ma intanto il risultato resta omologato sullo 0-3 a favore della formazione di mister Mantelli.
LE IMPRESSIONI DI TAGLIA. Parliamo dunque del presente, che vede la Vigor in testa a quota 45 punti e la Folgore seconda con 32: facciamo il punto della situazione con il nostro centrocampista Alessandro Taglia, grande protagonista della vittoria casalinga contro il Fiorano.
 
CAVAZZOLI ManueleTaglia, innanzitutto da parte tua è irrinunciabile una battuta sulla rete che hai messo a segno domenica scorsa. Dicci la verità: credevi davvero che quel tiro, all’apparenza così velleitario, potesse tramutarsi in gol?
“Come sapete, pochi minuti prima avevo mancato un gol da centroarea che sembrava praticamente cosa fatta: avevo già visto la palla in fondo al sacco, ma poi il portiere D’Arca ha saputo piazzare un intervento fenomenale. Per quanto riguarda invece la rete dell’1-0, in effetti la mia intenzione era proprio quella di tirare in porta: probabilmente l’estremo del Fiorano è incappato in una svista, ma va detto che il pallone ha preso una traiettoria molto strana che a quanto pare lo ha ingannato. Comunque sia non posso che essere felicissimo, anche perchè si tratta della mia prima realizzazione a livello di Eccellenza: più in generale, sono lieto di aver dato un fattivo contributo alla meritata vittoria che abbiamo colto”.
Ora, passiamo all’immediato futuro: la Vigor Carpaneto sarà priva del suo bomber Franchi, ancora fermo causa infortunio. La sua assenza potrà modificare a vostro favore gli equilibri della sfida?
“Franchi ha messo a segno 17 reti, e dunque stiamo parlando di un giocatore che fa sempre sentire in modo marcato la propria presenza. Il suo forfait crea sicuramente qualche problema al Carpaneto, ma fin qui la Vigor è stata in grado di fronteggiare nel migliore dei modi questa pesante assenza. Anche senza il bomber, i piacentini hanno continuato a macinare punti e vittorie: del resto loro dispongono di una rosa ampia e molto ben assortita, e possono sempre contare su un altro attaccante di sicuro spessore come Girometta. Quindi guai a farci illusioni, perchè il nostro compito si presenta ugualmente molto arduo: grande rispetto per l’organico di Mantelli, che sta pienamente legittimando la sua posizione di vertice”. 
E voi come vi presenterete? Qualche assenza?
“Dovrebbe mancare solo Nika Koridze, ancora fermo per infortunio: d’altro canto è previsto il rientro di Manuele Cavazzoli, che col Fiorano non c’era a causa di un virus influenzale”.
L’attuale classifica dell’Eccellenza dice che la Folgore è la squadra più attrezzata per impensierire la capolista: su quali doti bisognerà puntare per cercare di infliggere al Carpaneto il primo ko stagionale?
“Ritengo che il reparto difensivo sia tra i nostri maggiori punti di forza: la porta di Pè è inviolata da 270 minuti, e per ora abbiamo incassato solo 15 reti in 17 partite. I numeri dimostrano quanto sia difficile perforare la retroguardia rubierese: non prendere gol è di certo il primo passo per puntare con convinzione al successo. Inoltre, inutile dire che ci presenteremo carichissimi: secondo me sarà un match molto avvincente, e noi non andiamo certo là per recitare una parte da comprimari”.
ivano vacondioIn caso di vittoria della Folgore, la lotta per il 1° posto potrebbe clamorosamente riaprirsi? Ricordiamo infatti che c’è ancora in ballo la sentenza del Coni…
“Prima di ogni altra valutazione in merito, aspettiamo di vedere come andrà a Carpaneto… Al momento tutto è ancora possibile, perchè siamo soltanto a metà campionato: poi penso che i traguardi vadano delineati domenica dopo domenica, senza pensare troppo a tabelle di marcia o a chissà quali voli pindarici. Agganciare la Vigor sarebbe certamente un obiettivo gratificante, ma intanto pensiamo al 2° posto che dobbiamo difendere: la concorrenza di San Michelese, Nibbiano Valtidone e Axys Zola si presenta infatti quanto mai agguerrita”.
A livello personale, Taglia, sei soddisfatto per come sta andando la tua stagione nelle file rubieresi? E visto che con il Fiorano hai sbloccato la situazione, pensi che domenica il mister ti riconfermerà nell’undici titolare?
“Non potrei chiedere di meglio: di recente ho avuto offerte per andare a giocare altrove, ma ho scelto con forza di restare qui e sono felice che la società abbia condiviso le mie intenzioni. In Promozione avrei avuto maggiori spazi, ma quello della Folgore è un ambiente straordinario: sia per la serietà con cui si lavora, sia per il grande entusiasmo che caratterizza il gruppo dentro e fuori dal campo. Quanto a un mio impiego nell’undici titolare, ogni decisione spetta chiaramente a mister Vacondio: con il ritorno di Cavazzoli è probabile che io debba riaccomodarmi in panchina, ma ciò non mi pesa affatto. Ora come ora, per me l’importante è vestire la casacca della Folgore e farmi trovare pronto in caso di necessità”.
Nella foto a centropagina: Manuele Cavazzoli, centrocampista della Folgore. Nell’immagine in basso, mister Ivano Vacondio.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...