Eccellenza, Simone Piacentini: “All’orizzonte c’è un quartetto di sfide che dirà molto sulle nostre reali prospettive in questo campionato. Sono certo che la Folgore saprà interpretarle con efficacia: il meritato ko di San Michele deve servirci di lezione”. Domenica arriva l’Agazzanese: “Per cercare il ritorno alla vittoria, il nostro primo obiettivo dovrà essere quello di stoppare sul nascere la grande vivacità della formazione piacentina”. Sulla Coppa Italia: “Se andremo avanti ancora, starà a noi il compito di dosare al meglio le energie”

Simone Piacentini per sito

Simone Piacentini

Il cammino vincente della Folgore Rubiera ha conosciuto un’improvvisa e inaspettata interruzione: il riferimento è ovviamente alla squadra di Eccellenza, che domenica scorsa è incappata in un 3-0 a San Michele di cui ancora si parla tra chi segue le sorti della nostra compagine. Lo scivolone in terra sassolese ha impedito alla formazione di mister Vacondio di agganciare il secondo posto: “In effetti si è trattato di una sconfitta meritata – ammette il difensore rubierese Simone Piacentini – Purtroppo, non siamo stati in grado di affrontare la partita nel modo in cui l’avevamo preparata nei giorni precedenti: durante i 90′ abbiamo costruito un gioco debole, peraltro contraddistinto da un atteggiamento tutt’altro che convincente. In buona sostanza, un passo falso che dobbiamo lasciarci alle spalle quanto prima: il confronto casalingo di domenica prossima, contro l’Agazzanese, deve essere visto come un’ottima occasione per riprendere la marcia vincente”.

 
Tuttavia, va anche detto che a San Michele avete dovuto fronteggiare numerose assenze: inoltre, secondo mister Vacondio le fatiche della Coppa Italia si sono fatte sentire…
“In effetti le assenze erano parecchio rilevanti, e la sfida di mercoledì scorso in Coppa Italia ha richiesto un certo sforzo sia fisico sia psicologico: ad ogni modo, tutto questo non deve affatto costituire una pezza giustificativa. La Folgore Rubiera può contare su una rosa larga e ben assortita, in tutti i reparti del campo: dunque ritengo che vi siano le potenzialità necessarie per fronteggiare ogni eventuali forfait, e per affrontare con efficacia sia il campionato sia la Coppa”.

 
Daniele Fornaciari

Daniele Fornaciari, al rientro

Ora è già tempo di guardare avanti: che Folgore vedremo domenica prossima al “Valeriani”?

“Purtroppo saremo privi dello squalificato Addona, che a San Michele ha ricevuto un discusso cartellino rosso nel secondo tempo. In compenso rientreranno Greco, Orlandini e Fornaciari, e anche Agrillo sarà a disposizione: in dubbio invece Rizzo, ancora alle prese con l’infortunio”.
 
Quali doti serviranno per sorprendere l’Agazzanese? In fin dei conti i piacentini hanno soltanto tre punti in meno rispetto a voi, e dunque è facile pensare che gli ospiti terranno un atteggiamento spavaldo…
“Certo che sì: credo proprio che l’Agazzanese saprà sviluppare un elevato tasso di vivacità e di imprevedibilità, e noi dovremo bloccare sul nascere ogni possibile pericolo che gli avversari cercheranno di crearci. Se sapremo stoppare con fermezza le manovre della formazione di mister Melotti, credo proprio che avremo ottime possibilità di tornare al successo”.
 
GRECO Salvatore

Sasà Greco

Ventitrè punti raccolti in 13 partite di Eccellenza: i numeri autorizzano a parlare di bilancio confortante?

“Sì, ma si può fare certamente meglio. A inizio stagione abbiamo totalizzato un consistente numero di pareggi, che comunque non si spiega con il puro caso: avevamo un gruppo in parte modificato rispetto alla scorsa annata, e dunque è servito un po’ di tempo per oliare al meglio i meccanismi di squadra. Poi siamo andati sempre meglio, con un rendimento davvero in crescendo: l’ascesa si è fermata domenica scorsa, e ora non possiamo permetterci di lasciare altri punti per strada. Da qui a Natale abbiamo in agenda quattro sfide di campionato a dir poco cruciali: Agazzanese, poi Bibbiano San Polo, San Felice e Solierese. Sono certo che ci faremo trovare pronti, e che il ko di domenica scorsa sia servito di lezione”.
E la Coppa? Alle porte c’è pure la semifinale con il Pallavicino…
“A questo punto, la Coppa Italia conta proprio come il campionato: proveremo a raggiungere la finale, e se possibile ad andare anche oltre. Del resto vincere aiuta a vincere: se l’impegno di Coppa si protrarrà a lungo, starà a noi avere la saggezza necessaria per dosare al meglio le forza a nostra disposizione”.
A livello personale, sei soddisfatto del tuo rendimento fin qui?
“Mister Vacondio mi sta assegnando minutaggi consistenti, e quindi non posso che esserne contento: colgo anzi l’occasione per ringraziare tutta la Folgore Rubiera, che mi sta dando la formidabile opportunità di vivere un’Eccellenza di alto livello”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...