Eccellenza, la Folgore Rubiera reagisce nel migliore dei modi al ko di domenica scorsa: Hoxha, Barozzi e Greco pongono il sigillo sul grande successo contro l’Agazzanese. Mister Vacondio: “Una vittoria figlia dell’ottimo atteggiamento che abbiamo riposto in campo fin dal 1° minuto. Provenivamo da una settimana problematica, e una prova di così grande valore da parte nostra non era affatto scontata”

judmir-hoxha

Judmir Hoxha, autore del primo gol

FOLGORE RUBIERA – AGAZZANESE 3 – 0

RETI: 40’pt Hoxha, 5’st Barozzi, 9’st Greco.
FOLGORE RUBIERA: Burani, Rota, Blotta (dal 41’st Paglia), Orlandini (dal 33’st Bassoli), Dallari, Tognetti (dal 12’st Luca Ferrari), Hoxha (dal 26’st Koridze), Fornaciari, Greco, Lusoli, Barozzi (dal 43’st Bruce). A disp.: Rizzo, Kouadio. Allenatore: Ivano Vacondio.
AGAZZANESE: Daffe, Imafidon (dal 12’st Pintore), Reggiani, Moltini, Arodotti, Vago (dal 41’st Borghesi), Peretti (dal 12’st Lilla), Galli (dal 12’st Barbieri), Delfanti (dal 33’st Castignoli), Lombardi, Burgazzoli. A disp.: Colla, Criscuoli. Allenatore: Sandro Melotti.
ARBITRO: Tatti di Modena (assistenti Primieri Garnieri e sig.ra Melchiorri di Modena).
NOTE: spettatori 150 circa. Ammoniti Hoxha e Paglia (F).

Daniele Barozzi per sito

Daniele Barozzi, anche oggi decisivo

La Folgore Rubiera ha reagito con efficacia e decisione al pesante ko di domenica scorsa: il netto e meritato successo maturato oggi al “Valeriani”, 3-0 contro l’Agazzanese, rappresenta un’ottima risposta alle comprensibili perplessità che erano emerse a San Michele. Contro i piacentini, la Folgore ha iniziato a macinare gioco e occasioni da gol già nel corso del primo tempo: tuttavia va lodata anche la prestazione degli ospiti, che durante i primi 45′ hanno comunque creato qualche grattacapo ai nostri beniamini. Senza storia la ripresa: dal secondo gol in avanti i rubieresi hanno preso un’autentica autostrada verso il successo, e il percorso è diventato in progressiva discesa. Dopo l’intervallo il dominio da parte dei padroni di casa è stato assoluto, e così la Folgore ha ulteriormente legittimato questi preziosi tre punti.

Salvatore Greco

Sasà Greco: notevole anche il suo contributo

Per quel che riguarda i cenni di cronaca i sussulti iniziali giungono già al 3′, quando Rota scodella un ottimo cross per Greco: il capitano si trova a ridosso della porta granata, ma il suo colpo di testa manda il pallone all’indietro. Poco dopo è Barozzi a cercare la via del gol, anche in questo caso con un’inzuccata: il pallone finisce non di molto alto sulla traversa. Al 13′ l’Agazzanese inizia a farsi viva con Lombardi, che cerca lo spunto vincente da fuori area: la sfera esce di poco a destra di Burani, che comunque è ben piazzato sulla traiettoria della palla. Pochi attimi dopo Peretti lascia partire un fendente da posizione angolata in area: anche in questo caso il bersaglio è fallito di poco, con palla che si perde a lato a destra di Burani. Al 23′ calcio d’angolo di Delfanti: Arodotti raccoglie il suggerimento e colpisce di testa da centroarea, ma pure in questo caso il guardiano della Folgore si dimostra quanto mai attento. Gli ospiti insistono, e quattro minuti più tardi Delfanti sfrutta il suggerimento di Imafidon per sferrare un colpo di testa da pochi passi: la sfera si perde comunque fuori, anche perchè il numero 9 dell’Agazzanese viene tenuto a bada da un coriaceo Davide Rota. I piacentini reclamano un rigore, ma l’arbitro è irremovibile nel lasciar proseguire. Al 28′ la Folgore si rifà viva con Hoxha, che lascia partire una fiondata da posizione angolata in area: Daffe interviene con maestria. Al 30′, lo stesso Daffe abbassa la saracinesca per smorzare un tiro-cross sempre di Hoxha: e l’estremo granata chiude la porta al 33′, quando Barozzi lascia partire un diagonale da pochi passi innescato dal suggerimento di Rota. Tuttavia il gol sembra ormai essere alle porte, e al 40′ la Folgore approfitta al meglio di una svista difensiva avversaria: il cross di Greco viene rispedito all’indietro dal colpo di testa di Imafidon, ma l’inzuccata del numero 2 ospite si rivela essere un vero e proprio retropassaggio a favore di Hoxha. A quel punto l’attaccante di origine albanese non incontra difficoltà nel realizzare da centroarea, con palla che termina in fondo al sacco a sinistra di Daffe.

jacopo-burani

Il portiere Jacopo Burani

Nella ripresa, i rubieresi trovano il raddoppio dopo soli 5 minuti: l’autore del 2-0 è Daniele Barozzi, che sigla il suo settimo centro stagionale con una staffilata da posizione angolata in area. A mettere la partita in ghiaccio ci pensa poi il capitano: al 9′ Greco realizza il tris della Folgore con un ottimo spunto da centroarea, che Sasà concretizza dopo essersi fatto abilmente largo tra le maglie della difesa piacentina. Al 15′ l’Agazzanese prova a reagire in contropiede con Burgazzoli, ma Burani indovina l’uscita e ha la meglio nell’uno contro uno. Al 16′ è invece Barozzi a sfiorare il poker: il suo pallonetto da posizione angolata fuori area non inquadra per pochissimo lo specchio della porta. Al 28′ Rota effettua un insidioso tentativo dal limite: la sfera esce appena a destra di Daffe. Al 39′ Sasà Greco, ben pescato da Luca Ferrari, calcia poi alto dal limite dell’area: in pieno recupero potrebbe andare in gol anche Luca Ferrari, ma l’ex Bagnolese manca l’aggancio vincente da ottima posizione.

ivano vacondio

Mister Ivano Vacondio

“Provenivamo da una settimana decisamente problematica – esordisce nel dopo gara il trainer rubierese Ivano Vacondio Noi non siamo certi abituati a perdere 3-0 come domenica scorsa a San Michele: di conseguenza, nei giorni scorsi ho dovuto impostare un lavoro basato anche sugli umori e sull’aspetto della preparazione psicologica alla partita. Dopo ko pesanti e inaspettati come quello maturato in terra sassolese, c’è sempre il rischio di farsi prendere da un po’ di abbattimento che poi può rivelarsi molto pericoloso: tuttavia siamo riusciti a evitare alla grande questo rischio, e anzi la squadra ha manifestato una reazione addirittura migliore rispetto a quel che pensavo. Nel complesso – prosegue il tecnico della Folgore – siamo stati capaci di giocare proprio come dovevamo, contro un’avversaria niente affatto semplice da affrontare e per giunta abituata a grandi rimonte. Ci siamo mossi bene fin dal primo tempo, senza mai perderci d’animo nemmeno quando l’Agazzanese ha sfiorato il vantaggio: con il secondo gol la strada verso la vittoria si è poi fatta più agevole, e la Folgore è stata capace di gestire la partita senza alcun tipo di sbavature. Giornata incoraggiante anche per il reparto offensivo, visto che i gol sono stati messi a segno da tre attaccanti. Peraltro – sottolinea Vacondio – oggi eravamo privi dello squalificato Addona e di Simone Piacentini: quest’ultimo è stato bloccato da un virus influenzale proprio stamattina. Mancava inoltre Agrillo, che ormai è comunque pronto per tornare in campo. Abbiamo saputo fronteggiare bene anche queste pesanti assenze, e ciò dà ancora più valore a questi tre punti”. Un successo confortante, dunque, non solo in vista del campionato: “La Coppa è un problema dal punto di vista della gestione delle energie – spiega il mister – Ad ogni modo, ora che siamo in semifinale non possiamo nè vogliamo tirarci indietro”. 

“La Folgore si è espressa proprio come mi aspettavo – ha invece commentato l’allenatore dell’Agazzanese Sandro Melotti Perdere contro un’avversaria come questa ci sta, anche perchè si tratta di una squadra che può inseguire obiettivi ben differenti rispetto ai nostri. Il traguardo fisso che ci poniamo è quello della salvezza: viceversa, voi avete davvero tutto per puntare quantomeno al secondo posto. Per ciò che riguarda nel dettaglio la partita, nel primo tempo ci siamo fatti valere e abbiamo anche costruito qualche valida occasione da gol: tuttavia a inizio ripresa siamo stati fin troppo distratti, e la Folgore ci ha puniti in entrambe le occasioni arrivando così a concretizzare il successo. Perdere così suscita senza dubbio un po’ di amarezza – rimarca Melotti – Tuttavia in questo campionato di Eccellenza ogni minima distrazione viene subito punita, e anche oggi ce ne siamo accorti in modo più che mai lampante”.
Ora la Folgore è salita a quota 26 punti, e la seconda piazza dista soltanto una lunghezza: domenica prossima la trasferta sul campo del Bibbiano San Polo, valevole per la 15esima giornata.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...