Folgore Rubiera, la storia è qui! I nostri beniamini vincono la finalissima regionale della Coppa Italia di Eccellenza: Castrocaro ko per 2-1, doppietta di Leonardo Lusoli. Mister Vacondio: “Sono felice in primo luogo per la società, perchè questa affermazione è un meritato premio al grande lavoro che lo staff dirigenziale sta compiendo. Oggi successo meritato, che deriva in primo luogo dalla nostra vivacità offensiva”. Ora inizierà il tabellone nazionale, con la doppia sfida contro il Grosseto

lusoli-nuova

Leonardo Lusoli: la sua doppietta ha sancito il successo di oggi nella finale regionale di Coppa Italia

FOLGORE RUBIERA – CASTROCARO 2 – 1

RETI: 14’pt e 34’pt Lusoli (F), 49’st Cortini (C).

FOLGORE RUBIERA: Burani, Rota, Blotta, Fornaciari, Addona, Tognetti, Hoxha, Agrillo (dal 30’st Orlandini), Greco, Lusoli (dal 39’st Dallari), Barozzi (dal 48’st Koridze). A disposizione: Rizzo, Piacentini, Tavaglione, Kouadio. Allenatore: Ivano Vacondio.

CASTROCARO: Spada, Babini, Battistini (dal 17’st Panzavolta), Godoli, Bentivoglio, Bamonte (dal 32’st Pellino), Stucchi, Bergamaschi (dal 42’st Gurioli), Bonavita, Battiloro (dal 24’st Pezzi), Cortini. A disposizione: Leonardi, Casotti, Spagnoli. Allenatore: Marco Scozzoli.

ARBITRO: Beltrano di Rimini (assistenti Crovetti di Modena e Grande di Bologna).

NOTE: spettatori 300 circa. Ammoniti Orlandini (F) e Battistini (C).

jacopo-burani

Jacopo Burani, che ha difeso la porta della Folgore

Oggi pomeriggio, allo stadio “Italo Nicoletti” di Riccione, la Folgore Rubiera ha scritto una pagina indimenticabile della propria storia: battendo per 2-1 il Castrocaro, i nostri beniamini si sono brillantemente aggiudicati la fase regionale della Coppa Italia di Eccellenza. La formazione di Vacondio è arrivata alla sfida odierna dopo essersi piazzata al primo posto nei due triangolari iniziali: poco prima di Natale è poi arrivata la doppia vittoria nella semifinale col Pallavicino (andata e ritorno), un duplice successo che ha spalancato alla Folgore le porte della finalissima emiliano-romagnola.

A Riccione, i rubieresi si sono confrontati con un Castrocaro coriaceo e combattivo fin dalle battute iniziali: del resto si trattava di una sfida contraddistinta da un pronostico incertissimo, con protagoniste due squadre che fin qui hanno compiuto un cammino molto simile nei rispettivi gironi di Eccellenza. Peraltro, sia la Folgore sia la formazione romagnola provenivano da due sconfitte di fila: quindi entrambe le contendenti erano animate da una consistente volontà di riscatto, con l’obiettivo di cogliere una vittoria utile anche per rilanciare il morale in ottica campionato.

Una vittoria che la Folgore ha saputo aggiudicarsi con pieno merito, dettando legge con decisione già nella prima mezz’ora: la doppietta di Leonardo Lusoli ha pienamente indirizzato la partita, una sfida che i rubieresi hanno affrontato mettendo in campo tenacia, vigore, efficacia e brio lungo tutti i 90 minuti.

Daniele Barozzi per sito

Daniele Barozzi, bravo e sfortunato: ben due traverse per lui

Per quel che riguarda nel dettaglio i cenni di cronaca, la Folgore si fa pericolosa già al 3′: nella fattispecie Barozzi conclude da pochi passi, mandando la palla di un niente a lato. Al 14′ arriva il gol che sblocca la situazione: l’azione vincente nasce da Hoxha, che si rende autore di un gran lavoro sulla fascia destra. L’attaccante di origine albanese effettua un cross teso verso l’area romagnola: a quel punto Lusoli conclude a botta sicura da pochi passi, Spada intercetta ma sulla respinta è proprio lo stesso Lusoli a insaccare sul secondo palo. Al 17′ Barozzi, ben pescato dall’autore del gol, lascia partire una fiondata da posizione ravvicinata: la sfera va a sbattere contro la traversa, negando così il raddoppio a Greco e soci. Al 25′ il Castrocaro si fa vivo con la punizione di Godoli: Burani si salva in corner. Al 33′ Barozzi corre con decisione ed efficacia verso la porta difesa da Spada: il suo tiro da ottima posizione termine di un filo alto. Ad ogni modo, il 2-0 non è per niente lontano: appena un minuto più tardi Greco serve col contagiri Lusoli, e quest’ultimo ha buon gioco nel colpire di testa dall’area piccola trafiggendo Spada per la seconda volta. Ancora Folgore al 44′, con Blotta che ci prova dalla lunga distanza: il pallone si perde a lato davvero per un soffio.

GRECO Salvatore

Sasà Greco: anche il capitano è andato vicino al gol

Si passa così alla ripresa, e al 3′ è di nuovo Barozzi a cercare con convinzione la via del gol: l’ex Carpineti calcia al volo dal limite dell’area, ma la traversa impedisce ancora una volta al fromboliere appenninico di assaporare la gioia del gol. All’ 11′ Battiloro prova ad accorciare le distanze con una mezza rovesciata nel pieno dell’area rubierese: tuttavia, la nostra retroguardia respinge senza patemi. Al 23′ Stucchi lascia partire un insidioso tentativo da centroarea: Burani chiude in tuffo con maestria. Quando scocca il 27′, Hoxha offre un pallone di platino a Greco: il capitano non perviene al 3-0 davvero per un soffio. Passano i minuti, e la Folgore vede avvicinarsi sempre di più l’ambito traguardo: i rubieresi acquisiscono sempre maggiore sicurezza, continuando così a costruire un gioco propositivo e gradevole da seguire. Al 34′ gran triangolazione sviluppata da Barozzi e Greco: Sasà calcia alto da ottima posizione. Tre minuti dopo, Orlandini colpisce di testa sfruttando l’indovinato cross di Hoxha: il pallone termina tra le mani del guardiano romagnolo. Al 44′ ancora Spada respinge la bordata del “solito” Hoxha, mentre in pieno recupero Babini ci prova da lontano con pallone che termina di poco fuori. Finale vivacissimo: al 46′ l’estremo biancorosso neutralizza l’eccellente diagonale di Hoxha, poi sull’immediato ribaltamento di fronte Burani abbassa la saracinesca in occasione dell’inzuccata di Stucchi. Al 49′ il Castrocaro mette a segno il punto della bandiera, propiziato dalla punizione di Godoli: palla a Pezzi che serve Cortini, con quest’ultimo che concretizza il 2-1 da posizione ravvicinata. Ad ogni modo, la compagine termale non ha più tempo per materializzare un cambiamento di rotta: dopo pochi istanti l’arbitro riminese Beltrano fischia la fine, e la Folgore Rubiera può festeggiare.

ivano vacondio

Ivano Vacondio

“Sono felice innanzitutto per la società – commenta a caldo mister Ivano Vacondio Dopo il 2° posto in campionato dello scorso anno, con tanto di raggiungimento della semifinale play off, ora arriva questa affermazione in Coppa: un successo che premia, una volta di più, i consistenti sforzi che lo staff dirigenziale sta mettendo in campo. Non a caso, oggi la trasferta è stata organizzata nel migliore dei modi: in terra romagnola siamo stati seguiti da tutti i dirigenti della Folgore, e peraltro sul pullman c’era pure qualche tifoso. Stasera festeggeremo con una grande cena a base di pesce, che lo staff societario ci avrebbe comunque offerto anche in caso di sconfitta: un aspetto che testimonia ulteriormente la grande vicinanza della dirigenza nei confronti della squadra”. Il tecnico rubierese si sofferma poi sugli aspetti strettamente tecnici del confronto odierno: “Sul piano fisico, in alcune occasioni abbiamo un po’ sofferto – rimarca il timoniere della Folgore – Tuttavia nel complesso siamo stati capaci di fornire una prova più che convincente, specialmente per quel che riguarda la fase offensiva. Negli ultimi 40 metri, siamo stati noi a sviluppare la maggiore vivacità: la verve in attacco è sicuramente l’elemento che più ha fatto la differenza, senza ovviamente nulla togliere ai grandi meriti evidenziati anche dagli altri nostri reparti. Inoltre, siamo usciti indenni: a Riccione non sono arrivati ulteriori infortuni, solo alcuni crampi che sul finale mi ha portato a effettuare qualche sostituzione”. Ora la Folgore

Fabrizio Tagliavini

Il direttore sportivo Fabrizio Tagliavini

Rubiera entra nel tabellone nazionale della Coppa Italia: nel mese di febbraio (date ancora da definire) è prevista la doppia sfida contro il blasonato Grosseto, valevole per gli ottavi di finale. L’andata si disputerà al “Valeriani” (o in altra sede più capiente, da definire): il ritorno avrà invece luogo allo stadio “Zecchini” della città maremmana. “Già, ma intanto è d’obbligo pensare al campionato – evidenzia Ivano Vacondio – Domenica ci attende il confronto interno con la Bagnolese, che tra l’altro è la squadra che fin qui ha riportato meno sconfitte nel girone A di Eccellenza. Forse non saremo al 100% dal punto di vista delle energie, visto che stiamo vivendo una settimana parecchio impegnativa: tuttavia il successo sul Castrocaro costituisce una formidabile spinta sul piano morale. Dopo le due sconfitte di campionato contro Sant’Agostino e Rosselli Mutina, l’affermazione di oggi ci permette di recuperare prezioso slancio psicologico: una dote che sarà utilissima in vista del duello con la Bagnolese”.

Bravi ragazzi!!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...