Allievi, la Cremonese si aggiudica il Memorial Gustavo Zini a 24 anni di distanza dal primo trionfo grigiorosso. Stamattina la finalissima al “Valeriani”: sconfitta onorevole per la Reggiana, piegata 2-1. Il trainer lombardo Lucchini: “Una vittoria che dedichiamo a Emiliano Mondonico”

Cremonese con Angelo Ricchetti

Foto di gruppo per la Cremonese con Angelo Ricchetti, presidente della Asd Folgore Rubiera

REGGIANA – CREMONESE 1 – 2

RETI: 14’pt Panina (C), 34’pt Rossato (C), 1’st Bojardi (R).

REGGIANA: Stefanini, Albertini, Baietta, Piccinini S., Bojardi, Dani, Ziveri, Piccinini G., Cassano (dal 19’st Mattioli), Ray, Tesone (dal 1’st Gurini). A disp.: Galeazzi, Agyemang,

Addona e S Piccinini

Davide Addona, difensore della Folgore Rubiera, mentre consegna a Stefano Piccinini della Reggiana il riconoscimento come miglior difensore del 32° Zini

Apparuti, Talarico, Bruno. Allenatore: Giorgio Gherardi.

CREMONESE: De Bono, Fini, Bonzi (dal 1’st Bia), Rizzi, Biasin, Battini, Schirone (dal 5’st Bresciani), Pederzoli (dal 1’st Ghisolfi), Bertazzoli, Panina (dal 26’st Niang), Rossato (dal 9’st Cavalleri). A disp.: Scarduzio, Monticelli. Allenatore: Stefano Lucchini.

ARBITRO: Rizzo (assistenti Cabrini e Casoni).

NOTE: spettatori 350 circa. Ammonito Schirone (C). Si è giocato su due tempi da 35 minuti ciascuno.

La Cremonese ha iscritto per la seconda volta il proprio nome sull’albo d’oro del Memorial “Gustavo Zini”: i grigiorossi tornano sul gradino più alto del podio a 24 anni di distanza dal precedente trionfo, datato 1994. La 32esima edizione del torneo organizzato da Us Rubierese si è conclusa stamattina, con la finalissima disputata nella consueta cornice dello stadio “Valeriani”: 11 le formazioni che hanno preso parte al Memorial di

Reggiana Seconda Classificata

La Reggiana, seconda classificata al Memorial Gustavo Zini 2018

quest’anno, tutte appartenenti alla categoria Allievi 2001. Il ricco programma ha preso il via martedì scorso: durante le intense giornate di gara, il pubblico ha potuto seguire le gesta di parecchi talenti futuribili del calcio italiano. Come sempre, all’allestimento del Torneo hanno collaborato anche le società “consorelle” della Rubierese: Asd Folgore Rubiera, Rubierese Calcio a 5 e Rubierese Volley. Il Memorial si è svolto pure nel ricordo di Mauro Malagoli e Franco Villa, entrambi personaggi di spicco dello sport rubierese proprio come Zini.

La Reggiana si è qualificata alla finalissima dopo aver prevalso nel girone preliminare su Carpi e Juventus Club Parma: in semifinale i granata hanno invece sconfitto il Parma, con il punteggio di 2-0. La Cremonese ha invece battuto la Reggio Calcio nel girone C, ridotto a due sole squadre a causa del ritiro del Rimini: in semifinale i lombardi sono stati capaci di imporsi 1-0 sul titolato Sassuolo, club che tra l’altro si era aggiudicato le ultime due edizioni dello “Zini”.

Ricchetti e capocannoniere Rossato

Angelo Ricchetti mentre premia Nicolò Rossato (Cremonese) come capocannoniere del torneo

Per quel che riguarda la cronaca del confronto odierno, la Cremonese si rivela assoluta dominatrice del primo tempo: i grigiorossi arrivano all’intervallo con un doppio vantaggio che non è affatto frutto del caso. Al 9′ Schirone serve bene Bertazzoli, e quest’ultimo tenta una rovesciata a centroarea: il tentativo si rivela tuttavia maldestro, e il pallone si perde non di molto a lato. Al 10′, il colpo di testa ravvicinato di Bertazzoli è facile preda di Stefanini: tuttavia la Cremonese non è affatto lontana dal primo appuntamento con il gol, tant’è vero che quattro minuti dopo Panina va in rete con una magistrale punizione. L’estremo granata intuisce la direzione della sfera, ma non riesce a impedire che il pallone vada a insaccarsi alla sua sinistra appena sotto la traversa. Al 18′ la Reggiana prova a reagire con Bojardi, che viene a trovarsi a tu per tu con De Bono: il tiro è però debole, e facilmente intercettato dal guardiano lombardo. Poco dopo, sul rovesciamento di fronte, l’attivissimo Bertazzoli calcia bene da fuori area: Stefanini ci arriva con un buon intervento sulla propria sinistra. Al 23′ il movimento di Panina propizia la conclusione di

Parente e centrocampista Ziveri

Pietro Parente premia Giacomo Ziveri (Reggiana), eletto miglior centrocampista della competizione

Pederzoli, che tuttavia calcia alto da ottima posizione: al 26′, De Bono ci mette poi i pugni sulla punizione dalla distanza sferrata da Ray. Al 27′ ancora De Bono spazza via un retropassaggio potenzialmente pericoloso: il portiere della “Cremo” dimostra di avere riflessi pronti, anche perchè Tesone era già nei paraggi pronto a colpire. Al 34′ arriva lo 0-2 con Rossato, autore di un ficcante diagonale che va a insaccarsi in modo millimetrico nell’angolino basso a sinistra di Stefanini.

Nella ripresa la Regia è più pimpante rispetto ai 35 minuti precedenti, e i granata riescono ad accorciare le distanze già al 1′: Gurini da buona posizione centrale impegna De Bono che intercetta la sfera, ma sulla respinta Bojardi è il più lesto di tutti nell’andare a rete da posizione angolata ravvicinata. Al 12′ Bresciani ci prova da posizione angolata: Stefanini chiude in due tempi, spegnendo le velleità di Bertazzoli che era sul punto di impossessarsi del pallone. Al 13′ ancora Bertazzoli cerca la via del gol con un insidioso diagonale: sfera di poco fuori a sinistra dell’estremo granata. Al 18′ Cavallari si invola in contropiede verso l’area avversaria, ma il numero 17 grigiorosso incespica al momento del tiro da centroarea e così l’azione sfuma. Al 22′, di nuovo Bertazzoli cerca la terza rete della “Cremo” con una conclusione angolata: Stefanini ci arriva. Al 25′ Reggiana vicinissima al pari: tutto parte dalla punizione di Gurini che arriva a servire Gabriele Piccinini, e quest’ultimo fallisce

Cavallaro e D'Ambrosio

Mattia D’Ambrosio, miglior giocatore della Us Rubierese durante il 32° Torneo Zini, premiato dal sindaco di Rubiera Emanuele Cavallaro

clamorosamente il bersaglio proprio a ridosso della linea di porta. Al 35′ la Cremonese ha poi l’opportunità per andare sull’1-3: Cavallari è solo nel bel mezzo dell’area granata e lascia partire una conclusione che supera Stefanini, ma la sfera carambola appena fuori a destra del portiere.

“Durante questo Memorial Zini abbiamo saputo esprimere un calcio di buon livello, che legittima in pieno l’affermazione ottenuta – ha commentato a fine gara il trainer grigiorosso Stefano Lucchini Possiamo contare su un organico di età media molto bassa: non a caso la rosa è interamente composta da giocatori classe 2002 e 2003, senza alcun 2001. Pur essendo sulla carta più inesperti rispetto ad altre formazioni, siamo stati capaci di esprimerci con efficacia e combattività in ogni circostanza: la maturità agonistica che i nostri ragazzi stanno manifestando fa davvero ben sperare in vista del futuro. Peccato soltanto per avere

Lucchini

Ricchetti con Stefano Lucchini, allenatore della Cremonese

preso gol a inizio ripresa: non è la prima volta che ci succede, e queste distrazioni rischiano spesso di mettere a repentaglio ciò che di buono sappiamo costruire. Nel contempo faccio i complimenti alla Reggiana – ha proseguito Lucchini – Soprattutto nel secondo tempo, i granata hanno saputo mettere in campo una tipologia di gioco intensa e senza dubbio vivace. Congratulazioni anche alla Us Rubierese, per l’eccellente organizzazione di questo Memorial”. Nelle parole di Lucchini c’è poi spazio per un irrinunciabile pensiero rivolto a Emiliano Mondonico, scomparso proprio in questi giorni: “Si tratta di un allenatore che ha significato moltissimo nella storia del nostro club. E’ dunque proprio a lui che vogliamo dedicare il nostro successo al Memorial Zini 2018”.

massari e gherardi

Il vicesindaco di Rubiera Federico Massari premia Giorgio Gherardi, mister della Reggiana

“Quella di oggi è l’undicesima partita che abbiamo disputato nell’arco di appena due settimane – ha invece spiegato il tecnico granata Giorgio Gherardi Tra recuperi di campionato, torneo in Sudafrica e Memorial Zini, ci siamo ritrovati con un’agenda molto intensa e alcuni giocatori ne hanno senz’altro risentito. In effetti, il 1° tempo contro la Cremonese non è certo stato brillantissimo da parte nostra: ho visto una decisa carenza di energie, che ci ha portati a fornire una prestazione sottotono. Decisamente migliore la ripresa, in cui la Reggiana ha sfiorato il pareggio: purtroppo non siamo riusciti a concretizzare le buone occasioni costruite, ma del resto davanti a noi c’era una Cremonese che si è dimostrata un’autentica fuoriserie. Inoltre – ha aggiunto Gherardi – mi associo a Lucchini nel sottolineare i meriti dell’organizzazione: grazie all’attento lavoro delle società coinvolte nella costruzione dell’evento, il Memorial Gustavo Zini è diventato un autentico e tradizionale punto di riferimento nel panorama nazionale degli Allievi”. Tra l’altro la Reggiana è l’unica società, insieme alla Rubierese, ad avere fin qui partecipato a tutte le 32 edizioni. I colori granata hanno primeggiato in sei occasioni, e il 1° posto più recente è datato 2013.

Ricchetti e Cavallaro

Ricchetti mentre consegna al sindaco Cavallaro un premio di riconoscenza, che l’Us Rubierese ha rivolto all’Amministrazione Comunale

Al termine della finale sono state ovviamente premiate le squadre meglio classificate: Cremonese, Reggiana ma non solo. Riconoscimenti anche per Sassuolo e Parma, che hanno conquistato il 3° posto a pari merito. A livello individuale, la Cremonese ha potuto fregiarsi di ben tre gratifiche: Emanuele De Bono miglior portiere della competizione, Davide Panina miglior giocatore e Nicolò Rossato capocannoniere con 2 reti al proprio attivo. Per la precisione, va detto che anche altri giocatori hanno totalizzato 2 gol: tuttavia, l’organizzazione ha deciso di premiare il più giovane tra questi. La Reggiana si consola con due ragazzi alla ribalta: Stefano Piccinini ha ricevuto il premio di miglior

Terna arbitrale

Premi anche per la terna arbitrale che ha diretto la finalissima

difensore, mentre Federico Ziveri ha primeggiato tra i centrocampisti. Alla festa conclusiva, presentata da Alessandro Iori, hanno partecipato anche il sindaco di Rubiera Emanuele Cavallaro e il vicesindaco Federico Massari: l’Amministrazione Comunale ha offerto la targa per il miglior giocatore della Us Rubierese, riconoscimento che è andato a Mattia D’Ambrosio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...