Torneo Cavazzoli, la Folgore Juniores si piega con onore nella finalissima del Mirabello. Purtroppo non basta la doppietta di Neri: il Bibbiano San Polo concretizza la vittoria sul finire del tempo supplementare. Mister Siligardi: “Nulla da rimproverare ai nostri ragazzi, che hanno fatto davvero tutto il possibile dando fondo a ogni energia. E’ un argento comunque di valore: siamo davvero arrivati a un minimo passo dal trionfo”. Il trainer saluta tutto l’ambiente rubierese: “In bocca al lupo alla Folgore, una società che può contare su persone di alto spessore sia calcistico sia umano”

folgore rubiera 10-5-18 valeriani

Foto di gruppo per la Folgore Rubiera Juniores, seconda classificata al 37° Torneo Aldo Cavazzoli

BIBBIANO SAN POLO – FOLGORE RUBIERA 3 – 2 (dopo il tempo supplementare)

RETI: 25’pt Neri (F), 26’pt Cilloni (B), 15’st Manfredini (B), 37’st Neri (F), 11’ts Renzi (B).

BIBBIANO SAN POLO: Francia, Renzi, Borghi, Munari (dal 26’st Guidetti), Gruzza, Raschi (dal 13’st Venturi), Ogunleye (dal 36’st Presti), Bellocchi (dal 24’st Trombi), Storchi, Cilloni, Manfredini. A disp.: Sezzi, Chierici, Gulisano. Allenatore: Bertolini.

FOLGORE RUBIERA: Burani, Blotta, Piacentini, Parenti (dal 18’st Tavaglione), Paterlini (dal 35’st Romoli), Paglia, Durantini (dal 22’st Corradini), Bassoli, Neri (dal 1’ts Bruce), Koridze, Kouadio. A disp.: Gobbi, Serpetti, Amrani. Allenatore: Simone Siligardi.

ARBITRO: Gambuzzi di Reggio Emilia (assistenti Cilloni e Pelagalli di Reggio Emilia).

NOTE: spettatori 1000 circa. Ammoniti Raschi, Renzi e Cilloni (B), Paterlini, Corradini, Paglia e Koridze (F). Espulso al 44’st mister Bertolini (B) per proteste.

Purtroppo, la ciliegina sulla torta è mancata: tuttavia, la Folgore Rubiera Juniores ha comunque conquistato un 2° posto di alto livello e soprattutto gli unanimi applausi da parte del folto pubblico del Mirabello. Ieri pomeriggio, lo storico stadio reggiano ha ospitato la finalissima del 37° Torneo “Aldo Cavazzoli”: come è noto si tratta della competizione organizzata dalla Falkgalileo, un appuntamento che da anni ha un prestigio praticamente pari a quello del campionato.

neri cristian

Cristian Neri: l’attaccante in prestito dal Felino ha siglato una doppietta (foto emiliaromagnasport.com)

Mai come quest’anno, il titolo avrebbe dovuto essere diviso in due: i nostri beniamini e il Bibbiano San Polo hanno dato vita a un ultimo atto coinvolgente, contraddistinta da un elevato spessore tecnico agonistico. Tuttavia il vincitore è soltanto uno, e la compagine della Val d’Enza l’ha spuntata con la rete decisiva messa a segno nell’unico tempo supplementare: la Folgore ha comunque dato fondo a ogni energia, credendo con convinzione nelle proprie possibilità anche nei minuti conclusivi della contesa.

Andando con ordine, i primi sussulti dell’intensa sfida sono arrivati già al 5′: nella circostanza Manfredini, ben pescato da Ogunleye, supera Burani con un pericoloso pallonetto. Il vantaggio del Bibbiano San Polo sembra ormai inevitabile, ma l’intervento di Blotta sulla linea si rivela provvidenziale per sventare la minaccia. Al 25′ sono invece i rubieresi a sbloccare la situazione in proprio favore: capitan Blotta serve col contagiri Cristian Neri, e quest’ultimo lascia partire una fiondata sottomisura che non dà scampo all’estremo avversario. La formazione di Bertolini perviene tuttavia al pari appena un minuto dopo, con il ficcante diagonale firmato da Cilloni: al 29′ ancora Cilloni si rende autore di una fiondata al limite che va a stamparsi sul palo e sulla

koridze in azione

Nika Koridze, vicino al gol

schiena di Burani per poi uscire a lato. A inizio ripresa, Koridze ha un’opportunità d’oro per il raddoppio rubierese: il centrocampista offensivo di origine georgiana ruba palla a Gruzza e si presenta solo a tu per tu con Francia, ma l’estremo della Val d’Enza è attentissimo e incercetta la sfera. Al 15′, Bibbiano San Polo avanti: nella circostanza Manfredini costruisce una pregevole azione personale, finalizzata al meglio con un gran destro rasoterra. Al 31′, un’occasione vanificata da ambo le parti: Tavaglione calcia alto da ottima posizione, e sùbito dopo Burani in uscita abbassa la saracinesca sul tentativo di Ogunleye. La Folgore non si arrende, e al 37′ riequilibra i conti: il protagonista del 2-2 è sempre Neri, che trova la via del gol con una spettacolare rovesciata dal limite.

Si passa così all’unico tempo supplementare: nei minuti iniziali, Burani si supera sull’insidioso tiro sferrato da Cilloni. Sul rovesciamento di fronte, Koridze inventa un eccellente tiro da posizione favorevole che trova la pronta opposizione di Francia: il portiere intercetta senza trattenere, e sulla respinta Romoli calcia alto a porta pressochè sguarnita. All’ 11′, arriva quindi la rete che fa prendere al trofeo la strada della Val d’Enza: dopo aver percorso tutto il campo, Gianluca Renzi piazza il destro vincente dal limite dell’area.

“Le finali vanno vinte, ma stavolta non ho davvero nulla da rimproverare alla squadra – commenta Simone Siligardi, trainer di questa Folgore Rubiera Juniores versione Cavazzoli – Come sapete durante il torneo sono stato piuttosto esigente, ponendo spesso l’accento sui difetti da correggere e sugli aspetti da migliorare del nostro gioco: comuqnue sia ci siamo resi artefici di un cammino davvero straordinario, e ieri siamo davvero

siligardi

Mister Simone Siligardi

arrivati a un minimo passo dalla vittoria. A fine gara, la stanchezza sui volti dei nostri ragazzi era visibile – evidenzia Siligardi – Questo perchè la Folgore ha veramente dato tutto, contro un’autentica corazzata di questo torneo: non ci siamo mai persi d’animo, nemmeno dopo il gol del 2-1 che sembrava ormai chiudere la porta a ogni eventualità di andare al supplementare. Tenevamo motlo a questo successo, anche perchè per la Folgore Rubiera sarebbe stato il primo trionfo al Cavazzoli: ad ogni modo, la nostra esperienza al Cavazzoli 2018 si chiude ugualmente in gloria e con il massimo onore”. Adesso, come anticipato già da settimane, Siligardi si appresta a lasciare il club rubierese: “Qui ho lavorato splendidamente – sottolinea Simone – Ringrazio ovviamente tutti i giocatori, e i componenti dello staff tecnico con cui ho vissuto questa gloriosa stagione ormai al termine. Inoltre, auguro a questa società il miglior futuro possibile. L’universo della Folgore è infatti composto da persone competenti e di grande spessore, sia calcistico sia umano – rimarca Siligardi – Parlo dei dirigenti, così come dei tanti collaboratori e volontari. Un ringraziamento particolare va inoltre all’ex ds Fabrizio Tagliavini, colonna portante della Folgore e vero uomo-squadra dentro e fuori dal campo: lo si è visto anche ieri, quando lui si è ugualmente complimentato con la nostra squadra per l’ottima prova fornita contro il Bibbiano San Polo. Grazie a tutti, e in bocca al lupo!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...