Eccellenza, Davide Addona: “La Folgore Rubiera è tra le società che lavorano con maggiore serietà, professionalità e competenza. Proprio per questo ho deciso di restare qui, anche se il lavoro mi porterà a un periodo lontano dai campi. Sarò a disposizione fino al termine di agosto, poi rientrerò al più tardi per i primi di dicembre”. Sugli obiettivi stagionali: “Il nostro organico parte con prospettive incoraggianti, ma come sempre sarà il campo a dire quanto valiamo. Prevedo un campionato nuovamente livellato verso l’alto: anche le neopromosse potranno recitare un ruolo di rilievo”

Addona per sito 2

Davide Addona, difensore classe 1983

“La Folgore Rubiera è una realtà calcistica dove il lavoro viene organizzato con serietà, professionalità e competenza: proprio per questo ho scelto di restare almeno per un’altra stagione, nonostante le difficoltà logistiche legate ai miei nuovi incarichi professionali”. Sono parole di un volto ormai più che noto al pubblico rubierese: si tratta di Davide Addona, l’esperto difensore classe 1983 che si appresta a vivere un nuovo campionato di Eccellenza sotto le insegne della Folgore. “Inoltre – prosegue l’ex Reggiana e Sanremese – credo che sia doveroso sottolineare l’ottimo ambiente che si respira a Rubiera: una dimensione amichevole e gratificante sotto l’aspetto umano, che ha senza dubbio rafforzato la mia decisione di restare qui”.

Nello specifico, Addona, come si articolerà il tuo impegno alla Folgore durante la prossima annata agonistica?
“Parteciperò regolarmente al raduno del 16 agosto, e resterò a disposizione fino al termine del mese: poi a settembre e ottobre dovrò allontanarmi, e l’assenza proseguirà fino a novembre inoltrato. Il mio rientro nei ranghi dell’organico è previsto, al più tardi, per i primi di dicembre. Colgo l’occasione per ringraziare anche la società, che si è resa assolutamente disponibile nel venire incontro alle esigenze della mia nuova attività in campo universitario”.

semeraro al

Mister Alessandro Semeraro

Come va dal punto di vista fisico? Sei in forma, o c’è qualche problema che andrà risolto in queste settimane?

“Per il momento, non ci sono inghippi legati ad acciacchi di vario tipo: ad ogni modo, so molto bene di dover effettuare un tipo di preparazione e un percorso di allenamenti all’insegna della prudenza. I vent’anni sono passati da qualche tempo, e peraltro ho una storia di infortuni piuttosto lunga: quindi è necessario procedere per gradi e senza strafare, perchè forzare la mano non avrebbe senso e potrebbe rivelarsi addirittura controproducente”.
A tuo parere, che prospettive ha la Folgore Rubiera a livello di squadra? Quali sono gli obiettivi che si potranno realisticamente inseguire nell’Eccellenza 2018/2019?
“Così, sulla carta, la squadra parte senza dubbio sotto auspici positivi: accanto a numerose riconferme di buon calibro, il club ha saputo aggiudicarsi una serie di nuovi acquisti mirati e senza dubbio caratterizzati da lusinghieri curriculum. Lo stesso vale anche per mister Semeraro: io non conosco ancora nel dettaglio il suo modo di operare, ma so che in passato ha fatto molto bene qui a Rubiera e quindi ha tutta l’esperienza necessaria per cercare di ripetersi su buoni livelli. Detto questo, ci stiamo avvicinando al momento in cui le chiacchiere avranno un peso nullo: come sempre, sarà il campo a dire davvero quanto valiamo”.
Alessandro Mattioli

Alessandro Mattioli, team manager della Folgore Rubiera

Che tipo di campionato prevedi? Più o meno difficile rispetto alla passata stagione?

“Come lo scorso anno, sembra delinearsi un torneo molto livellato verso l’alto. Osservando i movimenti di questo mercato estivo, sono almeno 7 le squadre in grado di puntare al 1° o al 2° posto. Tutto ciò senza poi trascurare le neopromosse: le compagini appena salite dalla Promozione stanno acquisendo i mezzi per recitare un ruolo di valore, e quindi non saranno affatto delle matricole timorose in cerca di una semplice salvezza stiracchiata. La Folgore avrà quindi il compito di muoversi in un contesto di grande complessità: i motivi per essere fiduciosi sul nostro rendimento non mancano, ma adesso è anche necessario mantenere la massima cautela nell’ambito dei pronostici”.
 
Aspettando la ripresa ufficiale dell’attività, hai qualche messaggio da rivolgere?
“Intanto auguro buon lavoro e buona stagione a tutti: dirigenti e staff tecnico, ma anche gli altrettanto importanti collaboratori e volontari della Folgore Rubiera. L’augurio è chiaramente esteso ai miei compagni di squadra: quando tornerò dopo il periodo di assenza, confido di trovare una Folgore efficace e ben strutturata sul piano del gioco”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...