Eccellenza, a Campogalliano arriva il quarto successo in campionato per la Folgore Rubiera: il Campagnola si piega 3-1, grazie alla doppietta di Hoxha e al gol di Porrini. Mister Semeraro: “Stiamo portando avanti un lavoro di buona qualità, e anche la prova di oggi ne è una lampante testimonianza. Vittoria meritata, ma la filosofia che ci anima resta immutata: siamo ben lontani dal montarci la testa”

judmir-hoxha

Judmir Hoxha, autore di una doppietta

FOLGORE RUBIERA – CAMPAGNOLA 3 – 1

RETI: 31’pt rig. Hoxha (F), 17’st Hoxha (F), 20’st Ricaldone (C), 29’st Porrini (F).

FOLGORE RUBIERA: Burani, Blotta (dal 21’st Paglia), Vacondio, Rinieri, Ficarelli, Agrillo (dal 26’st Dallari), Hoxha (dal 40’st Bassoli), Tognetti, Onwuachi (dal 9’st Marko Malivojevic), Milos Malivojevic, Porrini. A disp.: Lanzotti, Piacentini, Durantini, Dosso, Mhadhbi. Allenatore: Alessandro Semeraro.

CAMPAGNOLA: Scappi, Bellei (dal 34’pt Marastoni), Ricaldone, Bulgarelli, Teocoli, Rossi, Lugli (dal 34’st Lombardini), Prandi (dal 18’st Carvisiglia), Greco, Cremaschi, Alessandro Bellesia (dal 25’st Barbieri). A disp.: Fava, Marco Bellesia, Davoli, Previato, Brocchetta. Allenatore: Gianluca Piccolo (Stefano Paraluppi squalificato).

ARBITRO: Vincenzi di Bologna (assistenti Tozzi di Imola e Pizzi di Ferrara).

NOTE: spettatori 250 circa. Ammoniti Hoxha e Porrini (F), Bulgarelli, Teocoli e Greco (C).

Alessandro Porrini

Alessandro Porrini, anche lui in gol

Una Folgore ancora una volta concreta ed efficace dà sfoggio del proprio miglior repertorio, e coglie il quarto successo nelle prime cinque gare di campionato. Con l’affermazione nell’atteso derby con il Campagnola, i rubieresi sono rimasti in testa alla classifica sempre in tandem con la Correggese: vittoria nel complesso meritata, contro un’avversaria che comunque ha saputo dimostrarsi tenace e sempre volenterosa. Oggi, come è noto, si è giocato al “Bolelli” di Campogalliano: lo spostamento in terra modenese si è reso necessario, visto che al “Valeriani” sono in corso d’opera i lavori di risemina del campo.

Per quel che riguarda i cenni di cronaca, la Folgore si rende pericolosa già al 5′: nell’occasione Rinieri serve bene Onwuachi e quest’ultimo potrebbe piazzare il sigillo vincente da pochi passi, ma l’ex Reggiana aggancia il pallone un attimo in ritardo e l’azione sfuma. All’ 8′ occhio al Campagnola, con la punizione dal limite di Cremaschi: la sfera termina appena fuori, a sinistra di Burani. Al 15′ Porrini, ben innescato da Milos Malivojevic, lascia partire una conclusione al volo da posizione ravvicinata: la palla termina non di molto alta sulla traversa. Al 31′, la situazione si sblocca a favore dei rubieresi: Alessandro Bellesia ferma Milos Malivojevic in piena area, e l’arbitro non incontra esitazioni nell’assegnare il rigore. Dal dischetto Hoxha realizza con freddezza, mandando il pallone in rete a sinistra di Scappi: il portiere avversario intuisce la direzione del tiro, ma non riesce a evitare l’1-0. Al 35′ Greco ci prova da favorevole posizione centrale, ma il tentativo è troppo su Burani: poco dopo Onwuachi sfiora il raddoppio, con un gran diagonale che fallisce il bersaglio di pochissimo. Al 42′ è poi Blotta a cercare il 2-0, con un tiro da posizione molto angolata: l’estremo rosanero manda in angolo. In pieno recupero, Scappi neutralizza sulla propria destra la pregevole punizione di Rinieri.

Stefano Ficarelli

Stefano Ficarelli

Nella ripresa, al 5′ Bulgarelli sfiora il pareggio sugli sviluppi dell’angolo di Cremaschi: il tiro ravvicinato si rivela molto pericoloso, ma il fortino rubierese riesce a resistere anche in questa occasione. Al 17′ è invece la Folgore a trovare la via della rete: Vacondio serve con il contagiri Hoxha, e l’attaccante nativo di Lushnje si rende autore di una vera fiondata da posizione angolata in area. Pallone impararabile per Scappi, e 2-0 a favore dei biancorossoblù. Da qui in avanti la partita appare in discesa per la compagine allenata da Semeraro: tuttavia al 20′ Ricaldone, su suggerimento di Carvisiglia, accorcia le distanze sfruttando una clamorosa indecisione del reparto difensivo avversario. In tutta evidenza, la retroguardia rubierese aveva pensato che Ricaldone fosse in fuorigioco: tuttavia l’arbitro non è dello stesso avviso, e convalida il 2-1 senza tentennamenti. La Folgore comunque reagisce prontamente, e al 22′ Milos Malivojevic concude da ottima posizione angolata: la sfera sfila appena fuori a sinistra di Scappi, e per un soffio Marko Malivojevic non riesce ad agganciarla per concludere a rete. Al 28′ Hoxha calcia dalla bandierina, e il guardiano del Campagnola ci mette le mani: un minuto dopo ancora Hohxa si impossessa di un non facile pallone, per poi servire Porrini. Il numero 11 della Folgore si trova a pochi passi dalla linea di porta, e non deve fare altro che appoggiare a rete: così avviene, per il definitivo 3-1. Al 33′, Burani risponde bene sul tentativo da fuori area di Cremaschi: al 44′ ancora Cremaschi su punizione, ma l’estremo avversario mette il pallone alto sulla traversa. Al 49′, l’ultimo sussulto: Carvisiglia serve Greco e quest’ultimo avrebbe un’opportunità aurea per colpire da centroarea, ma Ficarelli arpiona la sfera togliendola dai piedi del grande ex di turno.

Alessandro Semeraro

Mister Alessandro Semeraro

“La nostra filosofia resta immutata, e questa vittoria è un’occasione in più per ribadirla – commenta a fine gara il tecnico rubierese Alessandro Semeraro – Per adesso, non abbiamo raggiunto nessun traguardo: stiamo semplicemente portando avanti un lavoro di grande sostanza e qualità, che si traduce con buone prestazioni in campo. Anche oggi, credo proprio che il nostro successo possa dirsi meritato: siamo stati capaci di imporre un gioco vivace e convincente, contro un’avversaria di talento che peraltro ha saputo metterci varie volte in difficoltà”. Ancora una volta, spicca la grande solidità difensiva manifestata dalla Folgore: “Vero, ma il merito non è soltanto dei giocatori di reparto – rimarca il trainer veneziano – I movimenti difensivi, così come quelli offensivi, derivano dal gioco di squadra che l’intero 11 in campo sa sviluppare. Quindi continuiamo così, con concretezza e senza montarci la testa”.

“Ci siamo confrontati con una squadra in piena salute, e gli episodi lo testimoniano in pieno – spiega invece il tecnico rosanero Stefano Paraluppi, che oggi ha seguito la sfida da fuori campo poichè squalificato  – Entrambe le squadre hanno saputo creare circostanze favorevoli per andare a segno, ma la Folgore è riuscita a sfruttarle molto di più rispetto a quanto abbiamo fatto noi. Senza nulla togliere agli assoluti meriti rubieresi, i gol avversari sono stati propiziati anche da tre nostre clamorose disattenzioni. Non siamo affatto una cattiva squadra, ma commettiamo ancora troppi errori individuali che non possiamo proprio permetterci”.

Domenica prossima, la sesta giornata di Eccellenza: Folgore Rubiera in trasferta a Salsomaggiore.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...