Folgore Rubiera proiettata sul confronto casalingo di domenica: al “Valeriani” arriverà la San Michelese, per una vera classica del campionato di Eccellenza. L’attaccante biancorossoblù Durantini: “Anche se abbiamo otto punti in più rispetto ai prossimi avversari, la classifica non ci permette di elaborare pronostici a nostro favore. I sassolesi stanno vivendo un periodo negativo sul piano dei risultati, e proprio per questo saranno animati da una fortissima sete di punti: è uno stato d’animo che conosciamo bene… Per quanto ci riguarda, nessun segreto o strategia particolare: continueremo sulla strada che stiamo tracciando, con determinazione e grande attenzione anche ai minimi dettagli”. A livello personale: “Bilancio positivo, sono davvero felice per la fiducia che squadra e staff tecnico mi stanno accordando”

Lorenzo Durantini

Lorenzo Durantini

Lorenzo Durantini ha saputo ritagliarsi un ruolo di buon spessore nella vittoria che la Folgore Rubiera ha ottenuto domenica scorsa: il giovane attaccante biancorossoblù ha giocato titolare nel duello sul campo del Fiorano, rimanendo in campo fin quasi al termine della gara. “Lo scorso anno il mio impegno era rivolto essenzialmente alla Folgore Juniores, e questo è ufficialmente il mio primo anno in Eccellenza – spiega il promettente classe 2000 – Adesso la stagione 2018/2019 è quasi giunta a metà strada, e fin qui il bilancio personale non può che essere positivo: mister Semeraro mi sta assegnando molti spazi e grande fiducia. D’altro canto, alla mia età non si può certo pensare di essere “arrivati”: allo stesso modo, non ho la minima intenzione di montarmi la testa per il buon periodo che sto attraversando. So di dover ancora imparare molto, sotto ogni punto di vista: oltre alle indicazioni dello staff tecnico, anche i preziosi consigli dei miei compagni di squadra si stanno rivelando davvero utili per concretizzare quei miglioramenti che rappresentano il mio preciso obiettivo”.

E visto che siamo sull’argomento dei traguardi individuali, viene naturale domandarsi quale sia la meta di Durantini in termini di bottino offensivo: Al momento devo pensare a sbloccarmi in chiave di attacco, cercando di realizzare il mio primo gol in Eccellenza – spiega il diretto interessato – sarebbe una tappa di grandissima importanza nel percorso di crescita di cui parlavo prima, e soprattutto aiuterebbe l’intera Folgore a raccogliere quelle soddisfazioni che ci meritiamo come squadra”.

Continua a leggere

Annunci

Eccellenza, il ritorno in campo di Stefano Ficarelli: “La frattura all’alluce mi ha costretto a un mese e mezzo di lontananza dagli impegni agonistici, uno stop forzato che si è concluso soltanto la scorsa settimana. E’ stata dura restare fuori così tanto, perchè avrei voluto dare un contributo fattivo alla squadra anche in queste settimane”. Sull’attuale situazione della Folgore Rubiera: “Con l’Agazzanese non meritavamo di perdere. Anche contro i piacentini, abbiamo dimostrato di essere una squadra competitiva e ben disposta in campo. La sterilità offensiva è uno spunto su cui riflettere, ma senza inutili allarmismi”. Domenica prossima la trasferta di Colorno, dove i biancorossoblù dovranno ancora fare i conti con pesanti assenze: “La sconfitta? E’ un’opzione che al momento non consideriamo. I tre punti non ci servono per fantasticare in ottica 2° posto, ma innanzitutto per riprendere a valorizzare l’ottimo lavoro svolto fin qui”

ficarelli stefano

Stefano Ficarelli, difensore della Folgore Rubiera

Tre sconfitte consecutive, che tuttavia non hanno affatto scalfito la tenacia e l’entusiasmo della Folgore Rubiera. Come è noto, i nostri beniamini provengono da un tris di sfide contro tre grandi potenze del girone A di Eccellenza: purtroppo i duelli con Rolo, Correggese e Agazzanese non hanno portato punti in classifica, anche se i biancorossoblù hanno sempre saputo farsi valere sul piano del gioco.

Domenica scorsa, nel confronto con la formazione piacentina, Stefano Ficarelli è finalmente tornato in campo: “Ho appena risolto una frattura composta all’alluce – evidenzia il difensore rubierese – L’infortunio si è verificato lo scorso 30 settembre, quando abbiamo battuto il Campagnola sul terreno di Campogalliano. A causa di tale inghippo, sono stato costretto a un mese e mezzo di lontananza dagli impegni agonistici: una pausa forzata che sportivamente parlando mi ha anche fatto soffrire, perchè durante queste ultime settimane avrei voluto continuare a fornire un mio costante e tangibile contributo”. Ora, il diretto interessato rassicura sul proprio stato di salute: “Sto bene, pur non avendo ancora i novanta minuti nelle gambe. Al momento mi sto impegnando a fondo per ritrovare il migliore stato di forma, e dunque per recuperare il terreno perduto ultimamente: intanto punto molto su voglia di fare, esperienza e intelligenza, per cercare di sopperire con efficacia alle attuali mancanze sul piano della brillantezza fisica”.

Continua a leggere

Eccellenza, il portiere Jacopo Burani: “A Castelvetro potevamo effettivamente fare meglio, ma la prova che abbiamo fornito non è stata tutta da buttar via. In ogni caso, ogni scenario fosco sarebbe del tutto fuori luogo: stiamo lavorando con efficacia per ritrovare i nostri migliori standard di rendimento, già a partire da domenica prossima”. Al “Valeriani” la Folgore Rubiera ospiterà la Solierese: “Chi crede che si tratti di un ostacolo agevole commette un errore molto grave. Intanto noi saremo ancora in versione incompleta, poi in questo girone A le squadre-materasso non esistono proprio: inoltre i gialloblù ci creeranno problemi a non finire, perchè saranno intenzionati a dare una svolta al proprio campionato. Da parte nostra servirà determinazione mista a saggezza”. Calendario difficile: giovedì 1° novembre la trasferta di Rolo, il 4 quella di Correggio. “E’ il tipo di agenda che ci serve, perchè ci darà grandi motivazioni. Lo sforzo fisico sarà consistente, ma reggeremo: abbiamo la competenza necessaria per gestire bene le energie a disposizione”

jacopo-burani

Jacopo Burani

“In effetti, a Castelvetro non siamo stati così brillanti come al solito: ci è in parte mancato quel mordente combattivo che fin qui era stato tra le nostre principali caratteristiche”. Jacopo Burani, portiere della Folgore Rubiera, commenta così la prima battuta d’arresto stagionale: come è noto domenica scorsa i nostri beniamini sono stati bloccati 2-0 in terra modenese, e con tale sconfitta i biancorossoblù hanno dovuto abbandonare la seconda piazza scendendo al terzo posto. “Ad ogni modo, mi associo alle parole che mister Semeraro ha pronunciato dopo la partita – prosegue il guardiano classe 2000 – Chiaramente è un ko amaro come tutte le sconfitte, ma adesso non è affatto il caso di mettersi a disegnare scenari foschi che sarebbero completamente fuori luogo. Innanzitutto, la prova che abbiamo fornito a Castelvetro non è stata tutta da buttare via: pur essendo meno concreti rispetto ai nostri abituali standard, siamo comunque stati capaci di fornire qualche spunto di buon livello in ogni reparto. Poi, un singolo stop non può certo bastare a rimuovere il valore di ciò che abbiamo fatto fin qui: ci stiamo rendendo artefici di un cammino più che positivo, e ora puntiamo a riprenderlo con vigore già a partire dall’impegno che ci attende”.

Continua a leggere

Eccellenza, la Folgore Rubiera inizia a prepararsi per una vera classica del calcio reggiano: domenica al “Valeriani” arriva la Bagnolese, e la graduatoria dice che sarà un derby d’alta quota. Abdoul Kader Dosso, giovane attaccante biancorossoblù: “A Salso ho giocato da titolare e si tratta di una rilevante gratificazione, ma la vivo semplicemente come un nuovo e ulteriore punto di partenza per migliorarmi. Intanto in terra parmense è arrivato un successo più che meritato, che ci dà ulteriore slancio in vista del prossimo duello: contro i rossoblù dovremo innanzitutto pensare di esprimere al meglio la nostra identità di gioco, caratterizzata da una grande fibra caratteriale e da una manovra che sa coniugare velocità e precisione”. Sul futuro a medio-lungo termine: “Adesso la serie D non va minimamente accostata a noi. Dopo sole 6 giornate, sarebbe del tutto fuori luogo mettersi a disegnare scenari così roboanti: la prudenza resta d’obbligo, anche perchè stiamo vivendo un campionato intenso e apertissimo ai colpi di scena”

Dosso in azione

Al centro, Abdoul Kader Dosso in piena azione

Prosegue il momento d’oro della Folgore Rubiera nel campionato di Eccellenza: con la vittoria di ieri l’altro sull’ostico campo del Salsomaggiore, la compagine di mister Semeraro ha mantenuto il primato in classifica sempre insieme alla blasonata Correggese. Tuttavia, all’orizzonte dei biancorossoblù c’è un derby che costituirà un’altra prova di grande impatto sia fisico sia mentale: domenica prossima i nostri beniamini ospiteranno la Bagnolese, dando vita a quella che rappresenta una vera e propria classica del calcio dilettanti.

Fischio d’inizio alle ore 15.30: la sfida con i rossoblù del Torrazzo sarà valevole per la settima giornata, e la Folgore farà ritorno sul terreno amico del “Valeriani”. Nelle ultime due settimane, il campo rubierese è stato interessato da operazioni di risemina autunnale: un intervento necessario, per mantenere inalterata la grande qualità che contraddistingue il manto erboso di via Mari. Proprio per queste ragioni, il 30 settembre scorso la Folgore aveva dovuto “traslocare” a Campogalliano in occasione del confronto con il Campagnola: comunque sia ora il “Valeriani” è regolarmente disponibile, e da questa settimana tornerà regolarmente a essere il teatro delle nostre sfide casalinghe.
Intanto, l’attaccante Abdoul Kader Dosso è stato tra i protagonisti dell’affermazione in terra parmense: il promettente classe 2000 ha riscosso grande fiducia da parte di mister Semeraro, che a Salsomaggiore lo ha schierato titolare. “Vivo a Reggio Emilia, ma sono originario della Costa d’Avorio – racconta Dosso – Sono cresciuto calcisticamente nelle file di Fides e Tricolore Reggiana: in seguito è arrivata l’esperienza al Carpi, con cui nella scorsa stagione ho disputato il campionato Primavera”.

Continua a leggere

E’ online il nuovo numero di “Folgore Rubiera Magazine”!

mattia-pagliaNuovo appuntamento con “Folgore Rubiera Magazine”. La pubblicazione sarà distribuita domenica pomeriggio allo stadio “Valeriani”, in occasione della partita con il Formigine Rosselli valevole per la terza giornata di Eccellenza: tuttavia, come d’abitudine, qui sul nostro sito potete visualizzare le pagine in anteprima.

Questi dunque i temi della seconda uscita stagionale:

  • Mattia Paglia, difensore della Folgore Rubiera (nella foto), traccia un bilancio delle prime due giornate e illustra le prospettive in vista del confronto con i modenesi
  • Folgore fuori dalla Coppa Italia, ma con onore: parla il collaboratore tecnico Nicola Valentini
  • Uno sguardo sugli avversari con Lorenzo Pilia, centrocampista del Formigine Rosselli
  • Calendari & numeri del campionato di Eccellenza
  • L’agenda della Folgore Juniores.

Tutto questo cliccando qui FOLGORE RUBIERA MAGAZINE N° 2 – DOMENICA 16 SETTEMBRE 2018 o recandosi nell’apposita sezione del sito, dove troverete anche l’archivio dei numeri precedenti.

Buona lettura!

Eccellenza, al via la preparazione della Folgore Rubiera: stamattina sul campo B di via Mari si è svolto il raduno ufficiale, ovviamente sotto la direzione di mister Semeraro. Il ds Melli: “Pronostici prematuri, a ogni livello. Puntiamo comunque a una stagione divertente, guardando con ottimismo al presente e al futuro”. Il team manager Mattioli: “Organico in gran parte rinnovato, ma crediamo che la squadra abbia i mezzi per metabolizzare con efficacia i tanti cambiamenti”

Folgore Rubiera 1 - Raduno foto di gruppo

Foto di gruppo per la Folgore Rubiera durante il raduno di stamattina: al centro mister Semeraro, con la maglia numero 26

Primo giorno di scuola per la Folgore Rubiera: come da calendario, oggi la squadra guidata da mister Alessandro Semeraro ha dato inizio agli allenamenti in vista dell’imminente stagione in Eccellenza. I nostri beniamini si sono radunati stamattina, nell’abituale cornice della Zona sportiva di via Mari: nella fattispecie, la seduta inaugurale si è svolta sul terreno del campo B. Giocatori quasi tutti presenti: c’era ancora qualche assenza causa ferie, ma nell’arco di pochissimi giorni il trainer potrà iniziare a lavorare con una Folgore a ranghi completi.

folgore-rubiera-3-alessandro-melli.jpg

Alessandro Melli, direttore sportivo della Folgore Rubiera

“Ora i pronostici sono del tutto prematuri – ha commentato il direttore sportivo Alessandro Melli durante la mattinata calcistica rubierese – Nella fattispecie, al momento tutte le squadre si trovano in una fase di studio: i veri rapporti di forza che caratterizzeranno il girone A di Eccellenza emergeranno soltanto più avanti, anche perchè ogni organico deve ancora analizzare e capire con precisione le proprie potenzialità. Per quanto ci riguarda, noi comunque ci apprestiamo a iniziare l’annata con una ragionevole e ragionata dose di ottimismo. In fase di mercato la società ha seguito con fiducia le indicazioni fornite da mister Semeraro, assecondando in modo puntuale le richieste del mister relative ai rinforzi – ha aggiunto il ds della Folgore – Tutto ciò, beninteso, senza ovviamente ignorare le qualità tecnico-agonistiche dei tanti riconfermati. Inoltre, credo che un’ulteriore parola vada spesa per la “linea verde” che abbiamo deciso di attuare: i giovani della nostra rosa potranno benissimo fornire un sensibile contributo alle sorti della squadra e lavorare sulla loro crescita individuale, ovviamente a patto che ciascuno di loro mantenga il dovuto impegno e la necessaria costanza nel corso di tutta la stagione”.

Continua a leggere

Il ritorno di Marko Malivojevic: “Grazie alla Folgore posso rimettermi in gioco a livello di Eccellenza, ed è un’occasione che non potevo affatto rifiutare. A livello personale, sto bene: dopo due anni in Prima Categoria, ora dovrò impegnarmi innanzitutto per ritrovare i ritmi di lavoro richiesti dal campionato che andrò ad affrontare. Sul piano degli obiettivi globali, intravedo le caratteristiche giuste per restare stabilmente nella parte sinistra della classifica. Mister Semeraro è guida efficace e autorevole: in più, mio fratello Milos ha quel che serve per essere tra i principali valori aggiunti della squadra”.

malivojevic marko

Marko Malivojevic

Quello di mister Semeraro non è l’unico gradito ritorno nelle file della Folgore Rubiera: spicca anche il rientro di Marko Malivojevic, di nuovo all’ombra del Forte dopo le rilevanti esperienze nell’ambito della Prima Categoria. “Come sapete ho vestito la maglia della Folgore fino alla primavera 2016, poi sono stato girato in prestito ad altre società – ricorda l’attaccante classe ’95 – Nella stagione successiva sono rimasto in terra reggiana, giocando a Levizzano: durante la scorsa annata ho invece indossato la casacca modenese del Colombaro”.

Adesso, Marko, quali sono le ragioni che ti hanno convinto a tornare qui a Rubiera?
“Innanzitutto devo ringraziare la società, che in questo mercato estivo mi ha offerto un’occasione davvero imperdibile: cimentarmi ancora una volta con l’Eccellenza, all’interno di una realtà calcistica che conosco già benissimo come quella della Folgore. Una prospettiva davvero gratificante, a cui non potevo affatto dire di no: mi appresto a iniziare questo nuovo percorso rubierese con massimo slancio e grande fiducia, spinto dalla ferma volontà di rimettermi in gioco”.

Continua a leggere

Eccellenza, Davide Addona: “La Folgore Rubiera è tra le società che lavorano con maggiore serietà, professionalità e competenza. Proprio per questo ho deciso di restare qui, anche se il lavoro mi porterà a un periodo lontano dai campi. Sarò a disposizione fino al termine di agosto, poi rientrerò al più tardi per i primi di dicembre”. Sugli obiettivi stagionali: “Il nostro organico parte con prospettive incoraggianti, ma come sempre sarà il campo a dire quanto valiamo. Prevedo un campionato nuovamente livellato verso l’alto: anche le neopromosse potranno recitare un ruolo di rilievo”

Addona per sito 2

Davide Addona, difensore classe 1983

“La Folgore Rubiera è una realtà calcistica dove il lavoro viene organizzato con serietà, professionalità e competenza: proprio per questo ho scelto di restare almeno per un’altra stagione, nonostante le difficoltà logistiche legate ai miei nuovi incarichi professionali”. Sono parole di un volto ormai più che noto al pubblico rubierese: si tratta di Davide Addona, l’esperto difensore classe 1983 che si appresta a vivere un nuovo campionato di Eccellenza sotto le insegne della Folgore. “Inoltre – prosegue l’ex Reggiana e Sanremese – credo che sia doveroso sottolineare l’ottimo ambiente che si respira a Rubiera: una dimensione amichevole e gratificante sotto l’aspetto umano, che ha senza dubbio rafforzato la mia decisione di restare qui”.

Nello specifico, Addona, come si articolerà il tuo impegno alla Folgore durante la prossima annata agonistica?
“Parteciperò regolarmente al raduno del 16 agosto, e resterò a disposizione fino al termine del mese: poi a settembre e ottobre dovrò allontanarmi, e l’assenza proseguirà fino a novembre inoltrato. Il mio rientro nei ranghi dell’organico è previsto, al più tardi, per i primi di dicembre. Colgo l’occasione per ringraziare anche la società, che si è resa assolutamente disponibile nel venire incontro alle esigenze della mia nuova attività in campo universitario”.

Continua a leggere