Eccellenza, il nuovo arrivato Francesco Silipo: “Per i pronostici approfonditi è ancora presto, ma le mosse della Folgore Rubiera stanno andando verso una direzione molto chiara: saremo in grado di esprimere qualità e tenacia nell’affrontare ogni avversaria, e avremo le stesse doti anche contro le squadre che adesso sembrano candidarsi al 1° posto”. A livello personale: “Tra le mie principali caratteristiche c’è l’efficacia nei duelli uno contro uno, ma anche la capacità di realizzare gol a sorpresa con conclusioni dalla lunga distanza. Fisicamente sono in forma, e spero che il giorno del raduno arrivi prima possibile: dopo gli 8 gol in campionato che ho messo a segno nella passata stagione, nel 2019/2020 punterò ad arrivare in doppia cifra”

Silipo Francesco

Francesco Silipo, nuovo attaccante della Folgore Rubiera

“Per i pronostici più approfonditi bisognerà ancora aspettare qualche settimana, perchè adesso il mercato è ancora in pieno svolgimento: tuttavia, credo che il mercato rubierese stia prendendo una direzione decisamente chiara e confortante. Penso proprio che questa Folgore saprà sempre essere all’altezza della situazione, anche nel confronto con le superpotenze del girone di Eccellenza che andremo a disputare”. A parlare è Francesco Silipo: l’attaccante classe 1996 è tra i volti nuovi della formazione biancorossoblù per la stagione 2019/2020. Agli inizi del suo percorso calcistico, lui ha indossato le casacche di Reggiana Giovanissimi, Parma Allievi (campione d’Italia 2013) e Torino Primavera: a seguire è arrivato il trasferimento in serie D, dove Silipo si è fatto notare nelle file di Jolly Montemurlo (Toscana) e Virtus Castelfranco. Nella prima parte del campionato 2017/2018, lui ha quindi disputato l’Eccellenza nelle file della Casalgrandese: a metà annata è poi arrivato il trasferimento in Promozione, dove Silipo è stato tra i principali punti di riferimento dell’Atletico Montagna. Nella scorsa annata, il ritorno in Eccellenza: il nuovo arrivato in casa Folgore proviene da un’intera stagione nelle file della Bagnolese. La compagine del Torrazzo ha raggiunto il 3° posto nel girone A con 60 punti, sfiorando l’accesso ai play off nazionali: l’attaccante di Fogliano ha dato un forte contributo alla causa rossoblù, totalizzando un bottino pari a 8 gol in campionato.

silipo torino

A sinistra, Francesco Silipo in azione durante la sua permanenza nella nella Primavera del Torino (stagione 2014/2015)

E adesso, Silipo, quali sono le ragioni che ti hanno spinto a scegliere la Folgore Rubiera?

“Anche se sono un nuovo arrivato, conosco già molto bene la realtà biancorossoblù: si tratta di una squadra che ho affrontato varie volte da avversario. Inoltre lo staff dirigenziale è caratterizzato da assoluta serietà e massima competenza: ne parlo a ragion veduta, perchè i miei primi contatti con la Folgore risalgono a un paio d’anni fa. Adesso l’accordo tra noi ha finalmente potuto concretizzarsi, e non posso che ringraziare la società per avermi continuato a cercare con forte e costante convinzione: un grazie particolare va ovviamente al ds Fabrizio Tagliavini, che da sempre crede fermamente nelle mie potenzialità. Inoltre, i motivi che mi hanno portato qui riguardano anche la conformazione generale della squadra: sta per nascere un organico che saprà divertirsi e far divertire, sulla falsariga di quanto è già avvenuto nella scorsa stagione. Di conseguenza, credo proprio di avere trovato la soluzione che fa al caso mio: inoltre io lavoro proprio a Rubiera, e quindi questa mia nuova sistemazione calcistica è ottimale pure dal punto di vista logistico”.

Continua a leggere

Annunci

Eccellenza, la Folgore Rubiera raggiunge un nuovo accordo con uno tra i suoi giocatori più rappresentativi: Omar Dallari resta in biancorossoblù, per la sesta stagione di fila. Sul fronte del mercato in uscita, ai saluti Fabio Agrillo e Riccardo Lanzotti

La foto presente su Facebook - Da sinistra Omar Dallari della Folgore e Fabio Galli della Fidentina

A sinistra, Omar Dallari in piena azione

Omar Dallari piazza la… sestina, e nella prossima stagione sarà ancora tra i punti di forza della Folgore Rubiera. Il navigato centrocampista classe 1980 vestirà la maglia biancorossoblù anche nel campionato di Eccellenza 2019/2020: lui si appresta quindi a iniziare la sua sesta stagione consecutiva all’ombra del Forte, proprio come il difensore Francesco Tognetti.

Anche Dallari è approdato a Rubiera nel 2014: precedentemente Omar era stato assoluto protagonista con le maglie di Boca Pietri Carpi, Castellarano e Scandianese. Tutto ciò senza dimenticare l’esperienza nelle file della Sampolese, che è stata la sua ultima squadra prima dell’ingresso alla Folgore. Giocatore tenace, brioso e di alto livello qualitativo, la sua elevata esperienza continuerà a essere molto utile per tutto l’organico di mister Semeraro: senza dubbio, la riconferma di Omar Dallari rappresenta un ulteriore valido motivo per guardare al futuro con ragionevole ottimismo. In ordine cronologico, si tratta della quarta riconferma all’interno dell’organico biancorossoblù: infatti nei giorni scorsi sono stati ufficializzati i rinnovi con altri tre elementi di assoluto rilievo, ossia i difensori Stefano Ficarelli, Daniele Vacondio e il già citato Tognetti. Spicca inoltre il ritorno dell’attaccante Sasà Greco, che ha rappresentato la prima novità nell’ambito del mercato in entrata.

Continua a leggere

Eccellenza, la Folgore Rubiera deve guardarsi dagli artigli dei “Gatti”: domenica al Valeriani arriva un Fiorano alla ricerca di punti salvezza. Il portiere biancorossoblù Lanzotti: “Siamo in arrivo da una vittoria ottenuta grazie alle migliori doti che ci caratterizzano. Anche se il 2° posto è ormai irraggiungibile, il nostro approccio alle partite non cambia di una virgola: spirito di gruppo, concentrazione e tenacia sono i veri capisaldi della concezione di gioco che ci contraddistingue. Contro i modenesi saremo nuovamente rimaneggiati, ma abbiamo sempre dimostrato di saper arginare le assenze in modo costruttivo ed efficace. All’andata abbiamo vinto 0-3, ed è da lì che bisogna prendere le mosse per centrare di nuovo i tre punti”. Un bilancio stagionale: “A livello di squadra c’è una punta di amarezza, che però non toglie assolutamente nulla alla grande soddisfazione per l’ottimo percorso svolto”

lanzotti-riccardo.jpg

Riccardo Lanzotti, portiere della Folgore Rubiera

Dal Felino ai… Gatti: queste fasi conclusive della stagione biancorossoblù si prestano facilmente a un simpatico gioco di parole etologico. Dopo l’altisonante vittoria riportata domenica scorsa sul campo della compagine parmense, ora la formazione di mister Semeraro è al lavoro per affrontare il Fiorano: come è noto, il gatto è l’animale che da sempre campeggia sullo stemma sociale del club modenese. La sfida con i biancorossi d’oltre Secchia si disputerà domenica prossima 14 aprile sul terreno del “Valeriani”, con fischio d’inizio alle ore 15.30: il confronto sarà valido per la terzultima giornata di Eccellenza, che sarà anche l’ultima sfida prima della pausa pasquale. In seguito il girone A tornerà a far parlare di sè il 28 aprile e il 5 maggio, con le due giornate che concluderanno la ricca galoppata iniziata lo scorso settembre.

A Felino, la porta rubierese è stata difesa da Riccardo Lanzotti: “La mentalità ha avuto un ruolo essenziale per portare a casa i tre punti – sottolinea il guardiano della Folgore – Innanzitutto, sulle prime la sfida non si era affatto messa così bene per noi: ancora una volta abbiamo dovuto presentarci con una formazione falcidiata dalle assenze, e inoltre i padroni di casa hanno sbloccato la situazione in proprio favore dopo soli 10 minuti. In condizioni simili sarebbe stato facile farsi prendere da un’eccessiva superficialità, affrontando la trasferta parmense come se fosse una semplice gita: invece noi abbiamo sviluppato un atteggiamento diametralmente opposto, che alla fine ci ha dato ragione in pieno”.

Continua a leggere

Eccellenza, Folgore Rubiera alla ricerca di un immediato riscatto dopo l’amaro ko casalingo con il Colorno: domenica la squadra di Semeraro sarà di scena sul campo del coriaceo Felino. Il capitano biancorossoblù Omar Dallari: “Proveniamo da una sconfitta che non rispecchia quanto visto in campo, ma da parte nostra non c’è nessuna amarezza legata al 2° posto. Mancano quattro giornate al termine, e noi siamo sesti con 45 punti: è una situazione per cui a inizio stagione avremmo firmato al volo. Ora, non abbiamo affatto la volontà di tirare i remi in barca: con la salvezza in cassaforte, siamo nello stato d’animo ideale per migliorare ancora il nostro piazzamento. In terra parmense spero di essere della partita, anche perchè all’andata avevo segnato: tuttavia, devo fare i conti con un fastidioso dolore al polpaccio”. Sul suo futuro agonistico: “Pensavo di smettere a 40 anni, ma continuerò almeno fino a 42. Se la società lo vorrà, sarei felice di proseguire la mia esperienza rubierese”

DALLARI OMAR

Omar Dallari, centrocampista nonchè capitano della Folgore Rubiera

La Folgore Rubiera sta lavorando a pieno ritmo per smaltire rapidamente la delusione di domenica scorsa: il riferimento è ovviamente alla Prima squadra, che quattro giorni fa ha rimediato una beffarda sconfitta interna ad opera del Colorno. Come è noto i parmensi si sono imposti per 3-4, realizzando il gol-vittoria proprio a tempo scaduto: un ko che suscita più di qualche amarezza, specie considerando che i nostri beniamini erano riusciti a portarsi in vantaggio sul 2-0.
Ad ogni modo, ora non è certo il momento di perdere tempo con i rimpianti: all’orizzonte c’è infatti una nuova avversaria d’oltre Enza, e i biancorossoblù hanno tutta l’intenzione di trovare un immediato e tangibile riscatto. Domenica prossima, 7 aprile, la squadra di mister Semeraro sarà di scena al “Bonfanti” di Felino contro i rossoblù di casa: il duello sarà valevole per la 31esima giornata di Eccellenza, ovviamente girone A.

“Di certo, il ko contro il Colorno ci punisce in misura tanto eccessiva quanto ingiusta – evidenzia Omar Dallari, centrocampista e capitano della Folgore Rubiera – Purtroppo, però, anche la scorsa domenica sono emerse le nostre pecche per quanto riguarda la gestione del risultato. Come sapete, io non sono sceso in campo causa squalifica: ero comunque in tribuna, e ho seguito la partita nel minimo dettaglio. Dopo aver maturato il doppio vantaggio, la Folgore ha avuto una decina di minuti di sbandamento che alla fine sono costati davvero cari: non a caso, è proprio in quel lasso di tempo che i gialloverdi sono riusciti a portarsi sul 2-2. La nostra squadra si è rilassata un po’ troppo, subendo così due reti che sono risultate determinanti ai fini del punteggio finale”.

Continua a leggere

Eccellenza, una Folgore che viaggia sulle ali dell’entusiasmo si prepara a ospitare il Colorno: appuntamento per domenica al “Valeriani”. Il difensore rubierese Francesco Tognetti: “Proveniamo da un blitz beneaugurante, che costituisce anche una bella prova di carattere. Contro i parmensi dovremo fare ancora una volta gli straordinari, ma abbiamo la concretezza e il temperamento che servono per provare a piazzare una nuova sinfonia vincente. Il secondo posto è ormai difficilmente raggiungibile, ma non è ancora tempo di vacanze: nelle prossime 5 partite, avremo il compito di confermarci in quell’alta classifica che senza dubbio meritiamo”

TOGNETTI Francesco

Francesco Tognetti, difensore della Folgore Rubiera

Galvanizzata in misura ulteriore dal successo di domenica scorsa, 2-3 sul campo dell’Agazzanese, la Folgore Rubiera si appresta a tornare in campo con il chiaro obiettivo di vivere un finale di stagione all’insegna di gol e vittorie. Ovviamente il compito che attende i nostri beniamini non è affatto semplice, specie considerando la caratura delle avversarie in agenda: d’altro canto, la squadra di mister Semeraro dispone dello slancio e delle qualità tecniche necessarie per continuare a conquistare applausi.

Domenica pomeriggio, 31 marzo, i biancorossoblù saranno di scena allo stadio “Valeriani” contro il Colorno: un vero e proprio scontro di alta classifica, molto atteso da ambo le parti. Attenzione al nuovo orario d’inizio: con l’avvento dell’ora legale, che scatterà nella notte tra sabato e domenica, la sfida avrà inizio alle ore 15,30. Il confronto sarà valevole per la 30esima giornata di Eccellenza, che rappresenta anche il quintultimo turno.

“Ad Agazzano siamo riusciti a costruire un blitz che riveste un peso specifico davvero di rilievo, specie considerando il modo in cui è arrivato – spiega il difensore Francesco Tognetti, senza dubbio tra gli elementi più esperti della Folgore Rubiera – Come è noto, ci siamo presentati con una squadra a dir poco decimata dalle assenze: nonostante ciò, abbiamo fornito una prova accorta e di grande impatto in ogni zona del campo. Peraltro, ritengo che la vittoria sull’Agazzanese rispecchi bene anche il carattere che contraddistingue questa Folgore: quando siamo andati in svantaggio sarebbe stato facile farsi prendere dallo sconforto, e invece abbiamo tenuto un atteggiamento esattamente opposto. La nostra azione non si è affatto interrotta, tutt’altro: abbiamo continuato a macinare gioco con tenacia e attenzione, ricevendone poi un giusto premio grazie alla doppietta di Rinieri e al gol di Porrini”.

Continua a leggere

Eccellenza, la Folgore Rubiera si appresta a iniziare un’altra settimana che richiederà parecchio sul piano delle energie: domenica il derby sul campo della Bagnolese. Il centrocampista biancorossoblù Milos Malivojevic: “Il pareggio contro il Salsomaggiore ha un sapore amaro, ancora di più rispetto a quello con il Nibbiano Valtidone. Ad ogni modo, tutto questo non deve autorizzarci a nutrire timori reverenziali: i nostri prossimi avversari stanno portando avanti un campionato da applausi, ma noi disponiamo dei mezzi che servono per controbattere con efficacia alle mosse rossoblù”. Sulle prospettive stagionali: “Abbiamo validi motivi per non mollare la presa fino a maggio. Ora il nostro obiettivo deve essere quello di inseguire il miglior piazzamento possibile, ma senza dimenticare il traguardo base della salvezza diretta: una meta che non abbiamo ancora raggiunto, pur essendoci ormai molto vicini”

Milos Malivojevic 2

Milos Malivojevic

Proprio come la Juniores, anche la Prima squadra della Folgore Rubiera sta per inaugurare una settimana decisamente impegnativa: tre partite nell’arco di appena sette giorni. Per quanto riguarda la compagine di Eccellenza, il fitto calendario biancorossoblù avrà inizio domenica pomeriggio: a partire dalle ore 14.30 i nostri beniamini calcheranno il terreno del “F.lli Campari” di Bagnolo in Piano, per affrontare ovviamente i padroni di casa rossoblù. A seguire, mercoledì 20 sarà la volta del recupero contro il Campagnola: il duello, che rappresenta il recupero della 22esima giornata, sarà disputato sul sintetico di San Martino in Rio. L’intenso trittico si concluderà domenica 24 febbraio al “Valeriani”, con la sfida interna contro il Castelvetro.

“Proveniamo da due pareggi che, a mio parere, si prestano a chiavi di lettura diverse tra loro – commenta Milos Malivojevic, centrocampista offensivo della formazione rubierese – In entrambi i casi abbiamo subìto gol negli istanti finali, e questo ovviamente dispiace: tuttavia, l’amarezza legata all’1-1 contro il Salso è senza dubbio quella superiore. Nell’analizzare il confronto casalingo di mercoledì 6, dobbiamo innanzitutto essere onesti: il Nibbiano Valtidone ha pienamente legittimato il pari, grazie all’ottimo secondo tempo che i piacentini sono stati capaci di disputare. Viceversa, credo che domenica scorsa si sia raccolto meno di quel che meritavamo: il Salsomaggiore ha trovato il pari grazie a una prodezza da applausi di Fontana, ma ritengo che nell’economia generale dell’incontro la Folgore abbia raccolto meno di quanto seminato”.

Continua a leggere

Eccellenza, la Folgore Rubiera veleggia verso una settimana con tre partite nel giro di 7 giorni. Domenica la trasferta di Campagnola, poi le sfide casalinghe contro Nibbiano Valtidone e Salsomaggiore: occhio però alla neve, che potrebbe ancora portare a variazioni di programma. Il centrocampista biancorossoblù Alex Rinieri: “La speranza è quella di giocare, altrimenti dovremmo compiere ulteriori sforzi per ritrovare il giusto ritmo-partita. In ogni caso, se la sosta dovesse prolungarsi, sono certo che sapremo fronteggiare il problema nel modo migliore. Con tre vittorie, arriveremmo di fatto alla salvezza diretta: a quel punto le nostre possibilità di raggiungere il 2° posto aumenterebbero, ma non dobbiamo scordarci che l’elenco delle pretendenti ai play off nazionali si presenta molto ampio e agguerrito”

Rinieri 6

Alex Rinieri, centrocampista della Folgore Rubiera

La Prima squadra della Folgore Rubiera sta andando incontro a una settimana decisamente impegnativa, contraddistinta dalla disputa di ben tre gare ufficiali nell’arco di appena sette giorni. Andando con ordine, domenica i biancorossoblù saranno di scena al “Sabbadini” di Campagnola per affrontare i padroni di casa rosanero: fischio d’inizio previsto alle 14,30. A seguire, l’agenda rubierese prevede due confronti casalinghi: mercoledì sera il recupero contro il Nibbiano Valtidone (ore 20.30), poi domenica 10 febbraio il duello con il Salsomaggiore (ore 14.30).

Ad ogni modo, il duello di Campagnola resta tuttora in forte dubbio: le abbondanti nevicate di ieri notte hanno creato difficoltà anche sui campi della Bassa reggiana, e quindi l’ipotesi di un rinvio della sfida non è completamente da escludere. Stesso discorso anche per quanto riguarda la partita con il Nibbiano: il terreno del “Valeriani” si presenta nuovamente coperto da una coltre bianca, e le gelate notturne rendono molto difficoltoso lo scioglimento della neve.

“La speranza è ovviamente quella di giocare, sia domenica sia mercoledì – evidenzia Alex Rinieri, centrocampista della Folgore Rubiera – Ci siamo già fermati lo scorso fine settimana, e ulteriori stop ci costringerebbero a un sovrappiù di sforzi per ritrovare con efficacia il giusto ritmo-partita. Comunque vada, io resto ugualmente ottimista: se questa sosta forzata del campionato dovesse proseguire anche nei prossimi giorni, ritengo che il nostro organico abbia la maturità che serve per fronteggiare il problema in modo efficace e convincente.

Di certo sarebbe meglio giocare con continuità ogni domenica, senza continue variazioni di calendario: tuttavia in questo periodo la neve va sempre messa in preventivo, e una squadra con la S maiuscola non può certo lasciarsi condizionare in negativo da questo tipo di inghippi”.

Continua a leggere

Folgore Rubiera proiettata sul confronto casalingo di domenica: al “Valeriani” arriverà la San Michelese, per una vera classica del campionato di Eccellenza. L’attaccante biancorossoblù Durantini: “Anche se abbiamo otto punti in più rispetto ai prossimi avversari, la classifica non ci permette di elaborare pronostici a nostro favore. I sassolesi stanno vivendo un periodo negativo sul piano dei risultati, e proprio per questo saranno animati da una fortissima sete di punti: è uno stato d’animo che conosciamo bene… Per quanto ci riguarda, nessun segreto o strategia particolare: continueremo sulla strada che stiamo tracciando, con determinazione e grande attenzione anche ai minimi dettagli”. A livello personale: “Bilancio positivo, sono davvero felice per la fiducia che squadra e staff tecnico mi stanno accordando”

Lorenzo Durantini

Lorenzo Durantini

Lorenzo Durantini ha saputo ritagliarsi un ruolo di buon spessore nella vittoria che la Folgore Rubiera ha ottenuto domenica scorsa: il giovane attaccante biancorossoblù ha giocato titolare nel duello sul campo del Fiorano, rimanendo in campo fin quasi al termine della gara. “Lo scorso anno il mio impegno era rivolto essenzialmente alla Folgore Juniores, e questo è ufficialmente il mio primo anno in Eccellenza – spiega il promettente classe 2000 – Adesso la stagione 2018/2019 è quasi giunta a metà strada, e fin qui il bilancio personale non può che essere positivo: mister Semeraro mi sta assegnando molti spazi e grande fiducia. D’altro canto, alla mia età non si può certo pensare di essere “arrivati”: allo stesso modo, non ho la minima intenzione di montarmi la testa per il buon periodo che sto attraversando. So di dover ancora imparare molto, sotto ogni punto di vista: oltre alle indicazioni dello staff tecnico, anche i preziosi consigli dei miei compagni di squadra si stanno rivelando davvero utili per concretizzare quei miglioramenti che rappresentano il mio preciso obiettivo”.

E visto che siamo sull’argomento dei traguardi individuali, viene naturale domandarsi quale sia la meta di Durantini in termini di bottino offensivo: Al momento devo pensare a sbloccarmi in chiave di attacco, cercando di realizzare il mio primo gol in Eccellenza – spiega il diretto interessato – sarebbe una tappa di grandissima importanza nel percorso di crescita di cui parlavo prima, e soprattutto aiuterebbe l’intera Folgore a raccogliere quelle soddisfazioni che ci meritiamo come squadra”.

Continua a leggere